CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

giovedì 5 marzo 2015

Zona Sempione - Chi vuole il teatro di Burri?

Ci chiediamo se il Comune ascolti i cittadini o meno, perché la patata bollente che è diventata il Teatro Continuo di Burri è sempre più incandescente. Opera che come abbiamo già scritto in altri articoli, si trovava nel parco dal 1973 al 1989, anno in cui, date le degradate condizioni del manufatto in cui versava venne decisa la sua demolizione. Al centenario dalla nascita dell'artista italiano la fondazione Burri in collaborazione col Comune ha deciso di ricostruire l'opera. L’opera è composta da una macchina scenica: sei quinte d’acciaio rotanti, su un basamento di cemento lungo 17 metri e largo 10, che permettevano a chiunque di diventare protagonista. Sarà ricostruita secondo i disegni di Alberto Burri, identico a come i milanesi lo ricordano e nello stesso posto in cui venne pensato e costruito.


Peccato che i tempi siano cambiati e le proteste, più virali grazie anche ai social network, si fanno sentire.

Sul cantiere sono stati affissi dei cartelli da alcuni cittadini: "una boiata pazzesca"; "Milano sempre meno verde e più brutta"; "No al cemento nel parco"; " No Burri, Pisapia ogni prato si porta via", Sono alcuni slogan usati per protestare contro l'"ecometro" di Burri.

Forse il Comune doveva valutare meglio se riportare la scultura alquanto ingombrante nel parco Sempione o collocarla in un altro parco (Parco Nord, ad esempio, più grande e ampio). Anche nella redazione di Urbanfile la questione sul teatro di Burri è abbastanza discordante, chi lo vuole e chi no, un po' come Milano. Io me la ricordo quest'istallazione, ero piccolo e mi piaceva tanto salire sul palco e nascondermi coi miei amici tra le quinte, giocando su quest'opera d'arte. Non mi rendevo conto che tutto sommato era una scultura abbandonata e che non aveva nessuna utilità perché all'epoca il Parco Sempione era terra di nessuno e nessuno la "usava" nel modo giusto. All'epoca nessuno saliva su quel palco per recitare, danzare o suonare, ma solo bambini per giocare e vandali che lo riducevano pian piano in un luogo brutto e pericoloso.

Spero solo che una volta rinato, oramai la sua ricostruzione è partita, il Teatro di Burri sia mantenuto come quello che dev'essere, un palco nel parco.

Foto Corriere della Sera









Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...