Passa ai contenuti principali

Servizi: 750 nuove rastrelliere per le biciclette in città

Quasi 750 nuove rastrelliere in città. E’ la grande novità in tema di biciclette di questa primavera, oltre alle 1.000 bici elettriche e alle 70 nuove stazioni di BikeMi. Sulle strade di Milano nei prossimi mesi arriveranno 748 nuovi stalli che ospiteranno ben 3.740 bici. Dal 2011 Palazzo Marino ha già posizionato 592 rastrelliere per 2.995 posti in tutta la città: con quelli in arrivo, il totale sotto questa Amministrazione sfiorerà quota 7.000.


 “E’ dall’inizio del mandato che lavoriamo per aumentare le rastrelliere in una città in cui cresce costantemente il numero dei ciclisti – dichiara l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran -. Questi nuovi stalli, distribuiti capillarmente in tutte le zone di Milano, consentiranno un parcheggio più sicuro per quasi 4 mila bici”.

Le prime 58 rastrelliere, tutte da 5 posti l’una, fanno parte del progetto di riqualificazione e valorizzazione“Baggio verso Expo”, e sono già state quasi tutte collocate in prossimità dei punti strategici del quartiere: la piscina, l’ufficio postale, l’ospedale San Carlo, la biblioteca, il mercato, alcune scuole primarie. L’investimento del Comune è stato di circa 25 mila euro e la fornitura è stata affidata tramite procedura telematica MEPA.

Attraverso un bando di gara comunitario è stata affidata inoltre la fornitura di altre 690 rastrelliere, anche queste da 5 posti l’una. Il Comune, che in questo secondo lotto ha investito circa 332.000 euro,  ha già individuato la collocazione per 263 stalli: 100 saranno collocati al Gate di Cascina Merlata di Expo, 92 nei cortili delle scuole o in prossimità di 28 scuole che hanno aderito ai progetti #Stars e al #Bicittadini (due iniziative svolte a livello europeo di divulgazione della cultura della bicicletta). Gli altri 71 saranno distribuiti a pioggia in tutte le zone della città, a seconda delle esigenze più immediate, in particolare all’uscita delle stazioni delle metropolitane di Moscova, Precotto, Pasteur, Gioia, Bignami e Bicocca, ma anche in prossimità di uffici (viale dell’Innovazione, via Filzi, via Passerini, via Dogana, via Bernina, corso Sempione, via Sassetti) e scuole (via Goldoni, via Goffredo da Bussero, via Ruffini, via San Mamete). 

Il Nuir (Nucleo intervento rapido del Comune) avvierà la posa di queste rastrelliere a partire dalle prossime settimane. Parallelamente, il Comune definirà la localizzazione più opportuna dei restanti 427 stalli, tenendo conto delle richieste dei cittadini e dei Consigli di Zona.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …