Passa ai contenuti principali

Zona Porta Ticinese - Piazza XXIV Maggio riapre oggi alla città

Piazza XXIV Maggio riapre oggi alla città e presenta un nuovo volto: illuminazione Led, nuove alberature, cancellazione del traffico stradale grazie a un’area pedonale. I lavori, durati circa un anno, hanno riguardato anche la risistemazione dei sottoservizi per un costo complessivo di 4.300.000 euro, di cui 2 milioni impiegati per i lavori di superficie.

“Ci avviamo alla conclusione dei lavori in Darsena, oggi apriamo una porzione importante della nuova area pedonale di piazza XXIV Maggio. Tra dieci giorni saranno sistemati i semafori e riaperta la viabilità, resta da completare la porzione di piazza tra il Ticinello e il mercato: si tratta di lavori che saranno ultimati il 15 aprile”. Lo dichiara l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza che stamattina ha effettuato un sopralluogo nella piazza.

La superficie della piazza è di circa 19 mila metri quadrati, l’area pedonale è di 7.500 metri quadrati. Comprende i due caselli e il monumento del Cagnola: a partire dal mese prossimo sarà attraversata dal tram 2, i cui percorsi saranno protetti da parigine, nei due sensi di marcia. Il progetto di riqualificazione, concordato con la Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici, ha previsto il ridisegno degli spazi nel rispetto delle linee architettoniche stabilite da Luigi Cagnola che ha progettato la piazza nell’800. La pavimentazione è stata realizzata principalmente con i masselli esistenti per quanto disponibili per dimensioni e forma e con cubetti di granito in coerenza con il disegno storico della piazza stessa.

Altri interventi di rilievo sono stati la sostituzione della lampade classiche con lampade a Led, a basso consumo. Grande attenzione è stata rivolta al verde: nella parte centrale si trovano 12 platani di nuova piantumazione. Inoltre la quercia monumentale, situata nella parte bassa, è stata salvaguardata.

Il sottosuolo è stato interessato da lavori che hanno riguardato tutti i sottoservizi. Sono state rifatte le reti idriche, elettriche e del gas, ed è stata risistemata la rete della Telecom: si tratta di reti che servono tutta l’area dei Navigli.

“La piazza avrebbe dovuto aprire lo scorso 24 febbraio, ci scusiamo con i residenti per il ritardo dovuto alla complessità dei lavori per la riorganizzazione dei sottoservizi: li abbiamo voluti rinnovare tutti affinché non debbano essere più toccati prima di 15 anni”, aggiunge l’assessore Rozza.

Saranno, invece, completati il mese prossimo i lavori per la riapertura del canale del Ticinello che ritornerà a essere visibile sulla piazza XXIV Maggio, dopo essere stato interrato negli anni ’30. Al momento è stato ultimato il risanamento della sponda lato via Gorizia con un muro di contenimento e successivo rivestimento con del ceppo, materiale spesso utilizzato storicamente nei lavori del bacino della Darsena. Inoltre è terminato il restauro dei due ponti che assicuravano l’accesso alla città di Milano dalla zona sud. Si tratta del ponte sostanzialmente costituito da due ponti affiancati, il primo a tre arcate, il più antico, è detto anche delle Gabelle. L'altro, affiancato a questo, presenta un'unica campata: è stato costruito nel '700.



















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …