Passa ai contenuti principali

Zona Acquabella - La chiesa dei Santi Nereo e Achilleo e il fungo atomico

A Milano tra le varie strutture che spiccano all'orizzonte, tra campanili, cupole e grattacieli vi è il tiburio di una grandissima basilica, si tratta della chiesa dei Santi Nereo e Achilleo posta a concludere quel lungo viale alberato che è viale Argonne nella zona est del capoluogo.



La chiesa venne eretta negli anni Trenta, quando l'architettura rigida del Ventennio non risparmiava, evidentemente, neppure gli edifici di culto. Progettata come una basilica, con una navata centrale e due laterali. La lunghezza complessiva del corpo doveva essere composta da 65 metri e 28 metri di larghezza (di cui 18 per la navata centrale e 5 per ciascuna delle navate laterali). Troppo imponente, troppo vasta, troppo retorica. I lavori di costruzione iniziarono nel 1937, ad opera dell’architetto Giovanni Maria Maggi, e procedettero a rilento per varie ragioni. La consacrazione dell'edificio avvenne ad opera del cardinale Schuster il 6 dicembre 1940. L'aspetto severo è mitigato dall'uso del mattone in cotto che la rende più lombarda e più familiare.

Il 17 gennaio 1990 la chiesa parrocchiale è stata elevata a basilica minore da papa Giovanni Paolo II.

Durante la costruzione anni 30

Negli anni 50
Negli anni 50










 All'interno sono da vedere gli affreschi anni Quaranta che ricoprono varie pareti della basilica. Anzitutto il ciclo di affreschi del battistero dipinti da Piero Fornari, il solenne battistero voluto dal cardinale Schuster e l'abside affrescato da Vanni Rossi raffigurante Cristo re in gloria fra angeli, evangelisti e apostoli e la grande vetrata della facciata che riporta l'angelo Mistico.






















Cappella della Madonna di Fatima e il fungo atomico

Ma ancora più spettacolare e sorprendente sono gli affreschi della Cappella della Madonna di Fatima. La prima cappella a essere dedicata alla Madonna di Fatima a Milano. In un'aula laterale della chiesa si apre questa sorta di Cappella Sistina moderna realizzata alla fine dell’ultima guerra mondiale, come una sorta di ex voto voluto dalla gente di questo quartiere da Vanni Rossi. Un ciclo di pitture straordinario, fitto di volti, personaggi e scene su tutte le pareti e il soffitto. Vi è persino rappresentato il fungo atomico di Hiroshima, monumento alla follia distruttiva degli uomini, antro ultimo dell’inferno, significativamente posizionato accanto al Golgota e al Cristo sofferente mentre porta la croce al monte, quasi come una rinnovata crocifissione alle pene del Signore.


















Il fungo atomico rappresentato nel momento del dolore


La chiesa necessita un intervento di restauro totale, parti di intonaco si sono staccate dalle pareti superiori della navata centrale (come si denota anche dalle foto pubbicate) e durante l’ispezione dell’intonaco, è purtroppo emerso che anche le vetrate della navata centrale non erano più stabili, sia per il degrado degli ancoraggi al muro delle cornici metalliche che circondano le vetrate sia per il cedimento dei leganti di alcuni dei vetri colorati che costituiscono a mosaico le vetrate stesse.
Ciò ha imposto di estendere i lavori di messa in sicurezza della Basilica anche alle vetrate che sono state smontate e che saranno trattate da una ditta specializzata che provvederà a ricompattare i mosaici e a realizzare nuovi telai metallici per l’ancoraggio al muro.

Fonti Parrocchia Santi Nereo e Achilleo, Chiesa di Milano, Wikipedia


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …