Passa ai contenuti principali

Zona Tortona - Presentato il MUDEC

Noi di Urbanfile eravamo presenti alla presentazione delle due mostre allestite all'interno del nuovo museo MUDEC, il Museo delle Culture di via Tortona 56, tanto atteso ma che ancora non aprirà con la sua collezione. Tante polemiche con l'architetto Chipperfield che naturalmente non è stato citato e non è venuto all'inaugurazione. Dobbiamo dire che sicuramente la posa e i materiali per i pavimenti, come ha detto il grande architetto sembrano posati malissimo e rovinati in più punti, oltre ad avere tonalità di colore diverso.

Intanto all'esterno i muri erano già scarabocchiati dai soliti imbrattamui.

La presentazione di «Mondi a Milano» e «Africa» (le due mostre allestite per il periodo Expo)è avvenuta alla presenza dell’assessore comunale alla Cultura Filippo Del Corno, il direttore del Polo di Arte Moderna e contemporanea Marina Pugliese e il direttore generale del Comune Giuseppe Tomarchio senza la presenza dell'architetto che ha sollevato la polemica col Comune di Milano.

La mostre sembrano molto interessanti ma ancora in fase di allestimento con gli ultimi particolari.

«Apriamo questo centro dedicato alle culture che la città ha molto atteso», ha detto Del Corno, che voluto ringraziare — oltre ai dirigenti del Comune e ai numerosi soggetti coinvolti nella realizzazione e gestione del Museo — l’ex assessore alla Cultura Salvatore Carrubba «che diede l’impulso per bandire il concorso per l’ex Ansaldo» nel primo mandato Albertini «perché i percorsi a volte sono accidentati e lunghi, ma è importante riconoscere il punto di partenza». Il Mudec offre «un modello unico al mondo», ha sottolineato Del Corno, con «una città che accompagna Expo con un ricco cartellone culturale e due grandi mostre con le quali si racconta il legame di Milano con Expo e le culture di tutto il mondo. Qui tutte le culture che abitano a Milano avranno la possibilità di esprimere le loro origini».

Per l'occasione è stata intitolata alle Culture la piazzetta poco distante dal Museo.























Di seguito le condizioni del pavimento al centro delle polemiche.













 Di seguito alcune immagini degli oggetti in mostra.








Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …