Passa ai contenuti principali

Zona Porta Vittoria - I lavori al Giardino delle Culture

Il muro anonimo trasformato da Millo ha preso forma in opera d'arte fruibile da tutti. 

Il Giardino delle Culture sta prendendo forma. Il grande Murales che riveste una delle pareti cieche sta per essere completato, poi partiranno i lavori per allestire il giardinetto posto all'angolo tra le vie Morosini e Bezzecca. Come avevamo visto, si tratta di un luogo abbandonato per decenni, prima doveva sorgere un palazzo, poi per decenni non si è fatto nulla, quindi venne la scelta di creare un parcheggio interrato con giardinetto al piano stradale, ma anch'esso è rimasto per tanto tempo sulla carta. Finalmente sono iniziati i lavori per la sua definitiva sistemazione. Un angolo per la gente del quartiere e non solo. Un luogo d’incontro e d’iniziative ludiche pensate soprattutto per bambini e giovani, ma senza dimenticare laboratori, spettacoli, concerti e reading letterari rivolti a tutta la popolazione.

Il sito lo si deve al Consiglio di Zona 4, che ha accolto il progetto di recupero e rigenerazione urbana presentato dalle associazioni Comitato XXII Marzo, È-Vento e Teatro Laboratorio Mangiafuoco.

Mila:
Si chiama Francesco Camillo Giorgino, ma tutti lo conoscono come Millo. Classe 1979, è partito dalla città natale di Mesagne (provincia di Brindisi in Puglia) e negli anni si è fatto conoscere nella scena della street art. Vincitore del prestigioso "Premio Celeste", nel 2014 Millo ha vinto la B.Art competition, una gara tra streetarter che mette a disposizione del vincitore 13 muri nella città di Torino. Roma, Milano, Londra, Parigi e Rio de Janeiro sono solo alcune della città dove è possibile ammirare i suoi lavori. Le opere si distinguono per un uso sapiente del bianco e nero attraverso intricate linee che incorporano elementi di architettura per creare delle storie che non lasciano indifferenti passanti ed estimatori

Il nostro sogno vedere tutte le pareti cieche di Milano diventare come questa.

Immagini di Cultura Zona 4 Milano Foto Millo







Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …