Passa ai contenuti principali

Zona Castello - La nuova casa della Pietà di Michelangelo

Il Castello Sforzesco si arricchisce di un nuovo straordinario spazio, destinato a diventare a breve un'importante sede espositiva per la città e che sarà aperto tra poche settimane. E’ stato completato in questi giorni il restauro dell’antico Ospedale Spagnolo, situato presso la Cortina di S. Spirito - Lato Cadorna (dopo l’ingresso da via Minghetti), presentato stamattina dagli assessori Filippo Del Corno (Cultura) e Carmela Rozza ( Lavori pubblici e Arredo urbano). I lavori, durati quasi due anni, sono stati finanziati dalla Fondazione Cariplo con 2.100.000 euro.




“Abbiamo ridato vita a un luogo per molti anni nascosto nella memoria di pochi. Con questo restauro restituiamo ai milanesi l’Antico Ospedale Spagnolo e offriamo a turisti e visitatori un gioiello della storia di Milano sinora sconosciuto ai più”. Lo dichiara l’assessore Rozza.

La Pietà Rondanini da domani non sarà più visitabile nella sua attuale collocazione nella Sala degli Scarlioni, che sarà parzialmente chiusa al pubblico per consentire tutti gli interventi propedeutici alla sua movimentazione e al suo trasferimento nella sua nuova "casa", dove nel frattempo sono già iniziati i lavori di allestimento sulla base del progetto dell'architetto Michele De Lucchi.

"La Pietà Rondanini sarà di nuovo visitabile dal pubblico nella nuova sede dell’Antico Ospedale Spagnolo a partire dal 2 maggio, quando il nuovo Museo della Pietà, esclusivamente dedicato all'ultimo capolavoro di Michelangelo, sarà inaugurato con due giorni di festa contestualmente all'avvio di 'Expo in città' - ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno - La Sala degli Scarlioni nei prossimi mesi ospiterà uno schermo per la proiezione in loop di un cinedocumentario che racconterà la straordinaria avventura della Pietà negli ultimi tre anni, fino alla sua collocazione definitiva".





Cenni storici - Restuaro

La costruzione della Cortina che ospita l’antico Ospedale risale all’epoca Viscontea: fu demolita nel periodo 1447-50 per poi essere riedificata da parte di Francesco Sforza dopo il 1451. In testa alla sala era collocato un altare ligneo, a fianco del quale si accedeva ad altri due locali: un camerino per gli infermi e i servizi igienici.





La grande sala era destinata ad essere un luogo di sofferenza e preghiera come testimonia il ciclo pittorico policromo cinquecentesco delle pareti e delle dodici vele del soffitto: significativa in tal senso la raffigurazione del “Credo” apostolico (scritto in latino) rappresentante la formula per la professione della fede cattolica, che si poteva leggere (pregando) stando distesi appunto nei letti dell’Ospedale. All’interno di ciascuna vela doveva trovare posto l’effige di un apostolo, di cui però non è rimasta traccia.

Tracce di dipinti che inquadravano l’altare fiancheggiate dalle insegne dei governatori e dei castellani e l’Arma reale di Spagna' e insegne araldiche di varia famiglie iberiche, completano il ciclo pittorico sopravvissuto e restaurato.

Dagli anni ’70 fino al ’97 gli spazi dell’antico Ospedale erano occupati dalle biblioteche rionali. Poi per un lungo periodo sono stati utilizzati come deposito fino al luglio del 2013, data di inizio dei lavori. Il restauro è stato realizzato in due fasi. La prima ha riguardato il restauro e il recupero delle superfici dell’Ospedale nella sue prime tre campate e degli ambienti connessi. In particolare è stato realizzato il restauro conservativo delle murature, degli intonaci, degli intonaci decorati e delle preesistenti architetture. 



Pavimento antico





La seconda ha comportato il restauro delle superfici della IV campata, il restauro-protezione del pavimento antico presente nella sala principale dell'Ospedale, con l’esecuzione delle opere di presidio e custodia, l’inserimento di nuovi impianti e la formazione di un nuovo pavimento in listoni di rovere. Particolare attenzione è stata posta alla formazione del piano di pavimento utile all’appoggio di una copia della Pietà Rondanini per la realizzazione del basamento antisismico e antivibrazionale:. Altro intervento di pregio è stato la realizzazione di una pavimentazione in listoni di rovere che produce un contrasto materico che valorizza il marmo bianco. In ultimo il restauro conservativo dei serramenti quali i portoncini di primo Novecento affissi agli ingressi da Beltrami, presenti nella sala principale dell’ex Ospedale e nella annessa “cucina”.

Per la realizzazione dei lavori è stato allestito un ponteggio di tre piani su cui hanno lavorato i restauratori. L’antico Ospedale, è articolato in due sale. Quella principale ha un’altezza massima di 7,15 metri con una superficie di 210 mq circa. L’ex cucina ha un’altezza massima di 7,15 metri per una superficie di circa 65 mq.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …