Passa ai contenuti principali

Zona Porta Nuova - La semina del campo di grano

Poco più di cinquemila persone hanno partecipato ieri pomeriggio alla semina del grano organizzata all'ombra dei grattacieli di Porta Nuova, per la realizzazione del Campo di Grano (Wheatfield) temporaneo voluto da fondazione Riccardo Catella, fondazione Nicola Trussardi e Confagricoltura. 

Si tratta di un progetto di Land Art a cura dell’artista Agnes Denes che già nel 1982 realizzò a New York. L’area di 5 ettari del futuro parco-biblioteca degli Alberi è stato preso d'assalto da grandi e piccini muniti di stivali di gomma, palette,bastoncini per fare i buchi e con una manciata di semi per due ore si sono tutti improvvisati contadini cittadini.



La mietitura del grano è prevista per il mese di luglio. La destinazione del raccolto non è ancora stata definita ma, superati i controlli medico-scientifici, potrebbe essere utilizzato a scopo benefico.

Siamo stati anche intervistati dal Corriere della Sera:
Claudio Nelli, 42 anni, event manager (organizzatore di eventi) e curatore del blog urbanfile, trova invece che la qualità del verde sia migliorata: «Dopo anni in cui Milano era tacciata di grigiore — osserva — si è riscoperta la cura del paesaggio. Basti pensare alla diffusione degli orti urbani, anche di quelli normati». Come rendere la città ancora più «green»? «Non capisco le resistenze nei confronti della M4. Qualche anno di sacrificio sarebbe compensato da enormi vantaggi per tutti. Da quando abito vicino a una stazione della metropolitana, non uso più l’auto. Investire nel trasporto pubblico è fondamentale». 











Mentre a Porta Nuova si seminava il grano dall'altra parte della città, a Tre Torri (CityLife) un elicottero collocava gli ultimi pezzi dell'antenna TV sul grattacielo Isozaki come si può vedere dalla foto seguente.








Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …