Passa ai contenuti principali

Servizi: Questione di luce

Da poco più di un anno il Comune sta cambiando l'illuminazione in città e oramai la copertura con i nuovi impianti a LED è arrivata ad una buona percentuale. Nuova illuminazione, più fredda (eliminate gradualmente le luci gialle) e più economica ma anche meno luminosa. Come riportato da La Repubblica in questi giorni, adesso iniziano le proteste o le lamentele degli abitanti. Infatti a quanto pare l'illuminazione in zone centrali pare sia maggiore che in zone periferiche.

Quelli di La Repubblica sono andati in quattro diversi quartieri della città (due in periferia e due dentro la circonvallazione) per testare i livelli dell’illuminazione pubblica. E per capire se le nuove armature a led soddisfino (o meno) le richieste di sicurezza dei cittadini. Con un luxmetro professionale hanno misurato l’intensità della luce sui marciapiedi e in mezzo alla carreggiata, per rilevare le differenti illuminazioni strada per strada. Il risultato del test, evidenzia una distribuzione delle luci fortemente disomogenea: alcune strade troppo illuminate, altre troppo poco.

Secondo noi il sistema di illuminazione e la distribuzione delle fonti luminose in città è decisamente mal gestito da decenni oramai. Van bene i nuovi punti luce, ma forse andrebbero completamente rivisti. Noi siamo sostenitori di un utilizzo maggiore dei lampioni contro le luci a sospensione, più diffuse in città. Le luci aeree o a sospensione secondo noi e non solo, riempiono il cielo della città di cavi, spesso sono istallate in modo grossolano e disordinato, dando anche un aspetto caotico alle strade. I lampioni, se istallati in modo perfetto, danno un senso di ordine e più armonioso con i palazzi e le strade.

Il Comune dovrebbe scegliere una tipologia di lampione che funzioni sia per la strada che per i marciapiedi, spesso in penombra (infatti da qualche anno sono stati istallati degli orrendi faresti di supporto per illuminare alcuni incroci) e istallarli il più possibile nelle vie di Milano. 

Come riferisce La Repubblica, dal Comune sembrano consapevoli che delle mancanze ci sono, soprattutto nelle zone periferiche: «Il vantaggio dell’operazione a led è che tagliando i costi si liberano delle risorse — ha spiegato l’assessore Pierfrancesco Maran — che utilizzeremo per andare a intervenire su impianti che non ci soddisfano. Penso per esempio al Monte Stella, o all’Alzaia Naviglio Pavese. Ma anche alla mappatura realizzata dalla Zona 7 che ha messo in evidenza tutte le zone dove c’è poca luce». Dall’assessorato fanno sapere che sono previsti interventi di miglioramento in 16 strade, mentre in altre 22 sono appena stati modificati degli impianti obsoleti o sono stati aggiunti nuovi punti luce.




I doppi lampioni in via Cadore

Qui di seguito l'ordine parigino, ma basta anche andare a Berlino, Madrid, Londra per capire come siano trattate meglio queste città dal punto di vista di arredo urbano. Nessun cavo in cielo o pochi, luci attaccate ai palazzi o lampioni.






Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …