Passa ai contenuti principali

Servizi: il Patto per Expo

Una vetrofania sui negozi per milanesi e turisti. D’Alfonso: ”Il successo di Expo è legato anche alla percezione della qualità dei servizi offerti: invito gli operatori ad aderire al Patto” 


Expo all’insegna di servizi di qualità e prezzi chiari per turisti e visitatori. È on line sul portale Fare Impresa del Comune di Milano il modulo di adesione al "Patto per Expo 2015" per commercianti, artigiani, ristoratori, esercenti. Il Patto, sottoscritto dal Comune di Milano e dalle principali Associazioni di categoria, dei Distretti Urbani del Commercio e di 17 Associazioni dei Consumatori, intende garantire ai visitatori servizi commerciali e prestazioni di qualità nei sei mesi di Expo 2015.

“Il successo di Expo passa anche attraverso la percezione della qualità dei servizi offerti ai tanti visitatori attesi – spiega l’assessore al Commercio, Attività Produttive, Marketing Territoriale e Turismo Franco D’Alfonso -. Mi auguro che siano molti gli operatori del mondo del commercio, della ristorazione e dell’accoglienza che decideranno di aderire al Patto per Expo. Invito tutti ad aderire perché, anche grazie a un’ampia collaborazione, Milano sarà pronta a presentarsi al mondo come una città internazionale, aperta, accogliente e vivace”.

Il “Patto per Expo” si pone come valido strumento di marketing volto alla valorizzazione dell’immagine e al riposizionamento a livello internazionale della Città Metropolitana di Milano. Il documento impegna i soggetti sottoscrittori a garantire e monitorare la qualità dei propri servizi erogati nei vari ambiti: dall’accoglienza alla somministrazione di cibi e bevande, passando dalla vendita al dettaglio alla grande distribuzione sino alle attività artigianali: il tutto, nel rispetto delle diverse culture e provenienze dei visitatori.

Il Comune, da parte sua, oltre a garantire il rispetto dei contenuti del Patto sottoscritto, è promotore di una campagna di comunicazione per la diffusione delle iniziative promosse dai singoli aderenti al Patto e incentiva l’uso di vetrofanie, piattaforme informatiche e totem informativi che agevolino i visitatori nella scoperta della città e della sua offerta commerciale.

Aderire è facile: a tutti coloro che condivideranno contenuti e impegni del Patto per Expo sarà garantita visibilità nell’elenco degli aderenti e sarà recapitata la vetrofania (qui in allegato) da applicare sulle proprie vetrine. L'elenco, pubblicato sia sul portale Fare Impresa del Comune di Milano sia sul sito di Expo in città, sarà georeferenziato sulla mappa della città. Sarà consultabile da chiunque abbia necessità di usufruire di servizi commerciali e/o artigianali e, grazie all’app di Expo in città, sarà possibile ricercare i negozi che aderiscono all'iniziativa suddivisi per tipologia commerciale oltre che per singola zona di Milano.

L’Amministrazione invita tutti i commercianti ad aderire al "Patto per Expo" per creare e alimentare la grande "rete informale" volta a rendere la città di Milano accogliente e aperta, in grado di orientare imprese, visitatori e turisti durante e dopo Expo 2015.

Tutte le informazioni per aderire all’iniziativa sono disponibili al link:
http://fareimpresa.comune.milano.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=301&Itemid=326


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …