Passa ai contenuti principali

Opinioni: i lampioni a Milano così poco considerati

Abbiamo già parlato diverse volte della scarsa considerazione di Milano verso i lampioni. Alcuni però, di quelli d'epoca, ci sono arrivati misteriosamente intatti - forse per pura casualità, aggiungiamo noi -, dal momento che, nel corso del Novecento, il Comune sembrava quasi si fosse impegnato ad eliminarli tutti. Ci sono rimasti, ad esempio, quelli al Cordusio, in Piazza della Scala e del Duomo, in Piazza Cinque Giornate, presso il Monumentale e in Piazza Sant'Angelo. Poi, nel tempo, le banali luminarie senza arte né parte hanno preso il sopravvento. Qualche acuta operazione di conservazione la ricordiamo negli anni Novanta, quando venne pedonalizzata Via Dante, dove lampioni in stile (il modello ricordava quelli superstiti al Cordusio) abbellirono il corso pedonalizzato. Recentemente poi alcune piazze, come in Repubblica, sono state abbellite da graziosi lampioncini in stile antico. Per il resto resiste ancora il "modello tubo". Come se non bastasse, troviamo ancora qui e là alcune brutture eclatanti, come gli allestimenti dei basamenti di alcuni lampioni - per giunta in luoghi importanti come Piazzetta Reale a lato del Duomo - che danno la forte impressione di non essere stati ultimati.
Come le nostre foto mostrano, il tubo in plastica usato come base dove infilare il lampione rimane in bella vista e ce ne chiediamo il motivo. Sono piccoli obbrobri che non si trovano facilmente in altre città europee. Auspichiamo una manutenzione straordinaria e, nel frattempo, restiamo in attesa.





Altri lampioni milanesi, tutti in luoghi importanti per giunta.






Il resto dell'Europa...

Barcellona:



Londra:



Madrid:



Parigi:




Roma:



Torino:



Varsavia:



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …