Passa ai contenuti principali

Area Metropolitana - La M5 a Monza

Città metropolitana, vuol dire anche coordinare e incrementare i mezzi pubblici nella vasta area urbanizzata attorno a Milano. Così il Comune di Milano ha incaricato i tecnici di MM di effettuare uno studio di fattibilità per prolungare la linea 5 del metrò da Bignami, capolinea attuale della Lilla in direzione Monza Bettola dove incontrerebbe la linea 1 e quindi in un futuro proseguire sino a Monza e oltre per raggiungere la Villa Reale. L'obiettivo è di arrivare a un progetto di massima entro la fine dell'anno per poi andare a caccia di fondi dal governo per finanziare l'opera.



"Credo che questo sia il vero progetto strategico del futuro" - come ha dichiarato l'assessore alla Mobilità di Milano, Pierfrancesco Maran- "forse l'infrastruttura più importante per tutta la Lombardia. Una necessità per la Lilla, che ha bisogno di un deposito, ed una opportunità per collegare bene la prima e la terza città della lombardia, Milano e Monza."

"Vogliamo proseguire nel far crescere le infrastrutture, facendo arrivare la linea Lilla fino al Parco di Monza" perché "parliamo tanto di città metropolitana ma poi c'è bisogno di strutture che ci facciano sentire una sola unica comunità ". Ha proseguito Maran. Del progetto gli amministratori milanesi avevano già parlato al ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio durante la Festa del Pd a fine agosto, e il ministro renziano ha confermato l'interesse di Roma, incitando Palazzo Marino ad andare avanti nel percorso che porterà alla realizzazione di un'opera ritenuta strategica.

Si riparte da un vecchio progetto studiato anni fa sempre dalla partecipata del Comune MM. a Bignami alla fermata di Monza Bettola, fermata della M1 che è in fase di completamento e il prossimo anno dovrebbe entrare in funzione.Assieme alla costruenda stazione M1 di Bettola è già stata approntata la stazione di interscambio M5 così che non si debba in futuro scavare di nuovo nello stesso luogo.

 La previsione è proseguire il tracciato zigzagando tra la fitta rete abitativa dei comuni limitrofi di Sesto San Giovanni, Cinisello e Monza e giungere sino al Parco di Monza e alla Villa Reale. Ancora ipotizzate le fermate necessarie, al momento ne sono state pensate 5 o 6 tra le quali Nodo di Bettola, Rondò dei Pini, Ospedale San Gerardo e Parco di Monza/Villa Reale e probabilmente anche Crocetta a Cinisello.

Per il sindaco, Roberto Scanagatti, l'opera è ben vista come ha dichiarato: "è un intervento che noi perseguiamo da tempo, peraltro era già previsto inizialmente. Abbiamo scritto anche al ministro Delrio. Abbiamo messo in moto gli atti necessari per far partire la macchina. L'opera è importante per noi perché servirebbe tutta la Brianza e alleggerirebbe il traffico privato a favore del trasporto pubblico. Andiamo avanti uniti al territorio".

Intanto non solo la Lilla è in attesa di essere prolungata, ma da anni comuni dell'area metropolitana fanno richieste analoghe per i prolungamenti della linea verde e gialla, la prima fino a Vimercate e la seconda fino a Paullo (anche se per quello che riguarda il prolungamento della M3 a Paullo, il CIPE ha appena respinto la richiesta).

Nel frattempo pare, salvo imprevisti, che il 26 settembre si dovrebbe aprire la Stazione Gerusalemme della Lilla.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …