Passa ai contenuti principali

Zona Porta Volta - E se ci facessero un giardino "Orientale"?

Nel marzo del 2012 un gruppo di cittadini ha ottenuto la gestione di uno spazio abbandonato a Porta Volta, lungo viale Montello, destinato in origine ad ospitare un parcheggio sotterraneo, a due passi dal cantiere del progetto di Herzog & de Meuron per Feltrinelli.

Prima dei bombardamenti della seconda guerra mondiale questo lotto ospitava degli edifici costruiti al posto dei bastioni cinquecenteschi delle mura difensive della città. Questi edifici vennero distrutti e abbattuti dopo la II Guerra Mondiale e ancora oggi sopravvivono alcune rovine che ne delimitano il perimetro. Recentemente il gruppo di cittadini di cui sopra, è intervenuto con una sistemazione di massima a giardinetto condiviso. Oggi il piccolo giardino ha un aria desolata anche perché mal frequentato, tant'è che durante la mia permanenza per fare due foto ho avuto modo di constatare l'effettiva scarsa sensazione di sicurezza. Le pareti rabberciate e pericolanti, il distributore di benzina li accanto non aiutano di certo a migliorare la sensazione.

Non sappiamo ancora quale sarà il destino dell'area nel prossimo futuro, in origine, oltre al parcheggio, la fondazione Feltrinelli, che si sta occupando del lato verso Viale Pasubio costruendo la sua nuova sede, doveva edificare in questo punto un edificio gemello per ospitare servizi comunali e sociali.

Emanuele83 di Skyscrapercity tempo fa aveva proposto, per dare un senso a questo spazio ora pubblico, un giardino orientale. Secondo noi una bella idea per una città oramai multi-etnica come è Milano. Così la numerosa comunità del vicino quartiere cinese potrebbe lasciare in eredità alla città uno spazio pubblico importante e culturalmente vivo. Ci è venuto in mente l'esempio di Girdino Orientale che si trova a Sydney dal 1988. Modellato sui giardini privati della Dinastia Ming, il piccolo spazio verde fa entrare in poco tempo nella cultura cinese, donando anche un piacevole luogo per la città. Eliminare il distributore di benzina, piante, una pagoda e un laghetto potrebbero essere il fulcro di questo spazio ludico. Lo sponsor potrebbe essere anche la città gemellata con Milano di Shanghai.

Emanuele83 vorrebbe anche proporre la porta tipica delle Chinatown all'estero posta all'inizio di via Paolo Sarpi. A noi basterebbe riuscire a trovare una sistemazione per il giardinetto tra viale Montello e i Bastioni di Porta Volta, e l'idea del Giardino Orientale ci è parsa adeguata.

Il giardino Orientale di Sydney

Il giardino Orientale di Sydney




Porta Volta come potrebbe essere

Porta Volta com'è 
Mappa Porta Volta col progetto Feltrinelli

Mappa Porta Volta

Immagine elaborata da Emanuele83 con la porta orientale in via Paolo Sarpi

Il Giardino ora:















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …