Passa ai contenuti principali

Settimo Milanese - Il Gamba de Legn fa il suo ritorno

Il 25 Ottobre scorso, a Settimo Milanese, è stata inaugurata una 'teca museo' che ospita una motrice del vecchio Gamba de Legn, il tram a vapore che una volta percorreva la linea Milano-Magenta e i cui binari passavano sulla ex-strada statale che giace proprio a pochi metri dal luogo dove sorge il manufatto che ospita la storica locomotiva.

L'iniziativa, nata da una collaborazione tra il Comune di Settimo Milanese e il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, che ha fornito una delle locomotive dei vecchi Gamba de Legn di proprietà del museo (altri esemplari si possono visitare nell'area dedicata all'esposizione ferroviaria).
Il comune di Settimo ha costruito una teca apposta per ospitare la gloriosa reliquia del passato tranviario della città di Milano, con i suoi numerosi servizi interurbani (oggi quasi del tutto spariti, purtroppo) all'interno di un'area verde recintata attrezzata anche con un piccolo parco giochi per i più piccoli.


Il Gamba de Legn occupa quasi tutto lo spazio interno, posato su una riproduzione di un tracciato tranviario, con le ruote in movimento a simulare la marcia; tutt'attorno pannelli di controllo degli scambi e vecchi segnalamenti tranviari; e un video proiettato su una delle pareti che spiega la storia delle tranvie extraurbane milanesi e dell'ultimo tram a vapore, quello della linea Milano-Magenta, per l'appunto, che passava da Settimo

C'è una nota dolente in questa lodevole iniziativa, la poca attenzione che si è posta, dal punto di vista architettonico, nel creare questo piccolo museo.
La teca che ospita il Gamba de Legn è un banale parallelepipedo di calcestruzzo dalle cui vetrate si percepisce a malapena la presenza del vecchio tram a vapore; sembra quasi un locale tecnico al lato della strada.
Anche la recinzione dell'area, in un banale orsogrill, contribuisce a dare al tutto un'aria di ordinarietà senza alcuno slancio.

Non è una questione di costi, come spesso sottolineato su questo blog, ma di progettazione.



















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …