Passa ai contenuti principali

Zona Borgogna - Palazzo Castelli Visconti di Modrone, la ca' di sciori un ibrido moderno

In Via Cerva al civico 28 vi era un sontuoso palazzo dell'alta borghesia milanese. Palazzo Castelli Visconti di Modrone.
Il nobile palazzo di fine settecento chiamato anche "la ca' di sciori" (casa dei signori), famoso per le sue sale e il suo giardino con affaccio sul naviglio, fu distrutto dai bombardamenti dell’ultima guerra, e al suo posto venne innalzato un moderno edificio, che ha inglobato, qua e là, alcuni elementi architettonici recuperati, tra i quali la celebre balaustra, alcuni balconcini settecenteschi di ferro battuto e alcune colonne. L'aspetto è di un classico edificio anni Cinquanta che se non avesse questi inserti risulterebbe alquanto anonimo, pur rimanendo alquanto sgraziato.
Grazie al cielo il suggestivo giardino limitato da un parapetto in arenaria traforata, con cancello rococò in ferro battuto venne preservato, anche se leggermente modificato, al suo interno si trova anche una graziosa fontana a conchiglia con due figure che reggono un pesce dal quale sgorga l'acqua. Il palazzo storico aveva la fronte verso via Cerva, aveva una facciata ampia e sobria mentre verso il Naviglio l'edificio si affacciava su un suggestivo giardino. Negli interni si alternavano ambienti in stile rococò, impero ed eclettico. Il palazzo possedeva anche una passerella rotante che permetteva agli inquilini del palazzo di uscire sul lato del naviglio per andare più brevemente verso la chiesa di Santa Maria della Passione.

Oggi il palazzo è stato rinnovato ulteriormente, eliminate le tapparelle, poco coerenti col settecento, e altri tipi di ritocchi estetici esterni. La balaustra è stata restaurata e riportata allo splendore originale del color sabbia. Purtroppo il vecchio fascino col naviglio e del vecchio palazzo sono andati perduti per sempre. Oggi ci rimangono solo le foto in bianco e nero e un palazzo moderno un po' ibrido che cerca di dare un idea di cosa fosse un tempo senza riuscirci.


















Prima del Restauro





















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …