Passa ai contenuti principali

Zona Isola - Presentato il progetto del Padiglione Infanzia

Sempre mercoledì 14 gennaio 2015 è stato presentato al cavalcavia Bussa (dove in questi giorni è possibile vedere i progetti del concorso all'interno di una tensostruttura) il progetto vincitore del concorso internazionale per la realizzazione della Ludoteca Padiglione Infanzia per bambini disabili nel nuovo parco pubblico “La Biblioteca degli Alberi”, nell’ambito del Piano Integrato di Intervento “Garibaldi-Repubblica”, vinto dal gruppo spagnolo guidato da Esaù Acosta Pérez. Il tema richiedeva un progetto che rappresentasse l’idea di accessibilità universale, integrata, globale e inclusiva, che favorisse l'autonomia, l'utilizzo attivo e la comodità dei bambini disabili.

“Per ottenere questo obiettivo – sostiene nella relazione il gruppo madrileno – ci avvaliamo di tre elementi. Una rampa che percorre tutti gli spazi della biblioteca intorno al grande spazio centrale, che è il secondo elemento che si genera mediante una scatola strutturale di legno, perforata in alcuni punti strategici per ottenere viste incrociate e connessioni con la rampa; il terzo elemento sono i patii. La ludoteca offre due spaziconcentrici: quello centrale che mira verso i patii con vegetazione e l’area perimetrale che deve stabilire una relazione con l’esterno. La posizione privilegiata del Padiglione nel perimetro del Parco degli Alberi permette una sinergia, la trasparenza del piano terra e gli spazi di giardino della ludoteca donano una continuità visuale che favorisce l'interazione dei cittadini del quartiere con il nuovo parco e i suoi edifici.

Abbiamo puntato su elementi in grado di potenziare la sostenibilità ambientale ed energetica, proponiamo alcune misure passive (isolamento termico, doppia pelle e vegetazione caducifoglia), materiali ecologici senza additivi chimici (struttura in legno) e utilizziamo alcune fonti rinnovabili per la generazione di energia (geotermia)”.



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …