Passa ai contenuti principali

Zona Isola - Il "mostro" da abbattere

Abbattere il mostro dell'Isola è oramai forse l'unica soluzione. Il "rasoio" come era stato soprannominato il palazzone di 14 piani di Ligresti, è oramai abbandonato in attesa del suo futuro da anni. Nato per essere il Palazzo della  Milano Assicurazioni e progettato da Valentino Benati e Federico Colletta, destinato prevalentemente a funzioni terziarie, si trova tra le vie De Castillia e Confalonieri. È composto da due volumi, uno alto di 14 piani, massiccio e caratterizzato da una lunga balconatura continua con chiusura a doppio vetrata a risparmio energetico, e da un corpo basso allineato a via Confalonieri. Era previsto anche un piano con piscina, palestra e spazi collettivi oltre a i parcheggi.

Mai apprezzato dai cittadini del quartiere e forse anche dai creatori di Porta Nuova, la mole possente della struttura in calcestruzzo incombe sul nuovo quartiere e oscura parte del vecchio quartiere dell'Isola. "Come hanno scritto sul Corriere della sera: «Stiamo collaborando in termini molto positivi su diversi progetti - spiega il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, responsabile anche dell’Urbanistica - dal futuro della Torre Galfa a via dei Missaglia». Cioè la riqualificazione del grattacielo «abbandonato» di via Fara e la restituzione - su mediazione del Comune - di affitti arretrati non dovuti e versati al gruppo Ligresti da parte di centinaia di inquilini di alcuni palazzi del quartiere Gratosoglio. E il dialogo con Unipol ha portato anche a un risultato per certi versi storico: la restituzione delle cosiddette «aree d’oro», sempre in zona 5.
Il punto su cui il Comune ha posto l’accento è proprio l’impatto di quel blocco di cemento sul contesto urbano circostante, cioè un quartiere praticamente del tutto nuovo, con edifici di prestigio che stanno attirando interessi anche da parte di grandi società italiane e straniere (come Unicredit, Google, Samsung) che scelgono di insediare i propri uffici tra piazza Gae Aulenti, il Bosco verticale e la cosiddetta Torre Diamante. Un motivo in più per chiedere a UnipolSai, che a sua volta sta valutando di trasferirsi in zona, di rendere meno «mostruoso» quell’edificio. Non solo: il Comune ha posto una richiesta in più, urgente: allestire una copertura decente almeno per il periodo di apertura dell’Expo. Difficile che la proposta di ricorrere alla dinamite venga accolta, ma su tutto questo si attende, a breve, una risposta dal gruppo assicurativo."

Forse un nuovo destino attende la sorte di questo "mostro" urbano, sicuramente una nuova destinazione d'uso. La speranza è l'abbattimento e la ricostruzione con le stesse volumetrie ma distribuite meglio in versione residenziale o alberghiera. Noi di Urbanfile speriamo tanto nella sua demolizione e al suo posto due più snelli edifici che si sviluppino in altezza ma lascino più aria alla zona.











Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …