Passa ai contenuti principali

Zona Porta Nuova - Un campo agricolo in città per EXPO

Conclusa e certificata la bonifica dell’area di Porta Nuova, il Comune di Milano ha approvato il progetto definitivo del parco pubblico la Biblioteca degli Alberi, per la cui realizzazione, a cura del gruppo Hines Italia SGR, sarà ora avviata la gara d’appalto. Realizzazione che richiederebbe troppo tempo per essere fatta entro EXPO.

Per mantenere la qualità ambientale dei suoli fino all’inizio dei lavori, e per garantire ai cittadini e ai visitatori di Expo 2015 un luogo bello, accessibile e coerente con le tematiche della manifestazione, Hines Italia SGR, in collaborazione con la Fondazione Riccardo Catella, ha concordato con l’amministrazione un progetto di sistemazione temporanea a campi agricoli, la cui realizzazione partirà il prossimo mese, in modo da essere conclusa entro il mese di maggio, in tempo per l’inaugurazione dell’esposizione universale.

“Dopo un complesso percorso di bonifica dei terreni, possono finalmente partire le procedure per la realizzazione di un parco molto atteso da tutta la città” commenta il vicesindaco e assessore all’Urbanistica del Comune di Milano, Ada Lucia De Cesaris. “Siamo molto contenti anche della proposta di allestimento temporaneo a prato fiorito che, oltre ad essere importante per la possibilità di fruizione dell’area nei mesi di Expo, è anche in linea con la politica di questa amministrazione di ricercare sempre progetti di cura e sistemazione anche temporanea del territorio”.

“Il nostro subentro nella realizzazione del parco la Biblioteca degli Alberi ed il progetto di allestimento temporaneo durante l’Expo rientrano nello spirito di collaborazione con l'amministrazione nell'interesse della città di Milano, che avrà in Porta Nuova un contributo importante nell’affermare la propria reputazione e qualità a livello internazionale. La selezione dell’impresa realizzatrice del progetto finale del parco e la relativa assegnazione dell’appalto saranno svolte nel 2015 con completamento dei lavori previsti nel 2016” ha dichiarato Manfredi Catella, amministratore delegato di Hines Italia SGR.




Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …