Passa ai contenuti principali

Zona Expo - 100 giorni all'evento

Pronte 80 strutture su 100. Da oggi solo 100 giorni per completare le opere, i padiglioni e tutto quello che serve per presentarci al meglio davanti al mondo. In cantiere sono impegnati oltre 3000 operai con turni di 20 ore al giorno, e quando cominceranno gli allestimenti degli interni, supereranno quota quattromila, un esercito. Intanto sono stati già venduti oltre 7 milioni e mezzo di biglietti. I padiglioni sembrano a buon punto così come le passerelle che uniranno il sito alla metropolitana e a Cascina Merlata, luogo dove all'interno delle nuove torri saranno alloggiati gli operatori delle delegazioni straniere.
Manca all'appello ancora l'Albero della Vita, infatti è andata deserta la gara sugli allestimenti tecnologici per il "simbolo" dell'evento. "Il Cda della società Expo 2015, riunitosi nella giornata di martedì 20 gennaio, ha deliberato la riapertura dei termini per la presentazione delle offerte nell’ambito della procedura di gara già bandita per gli allestimenti tecnologici dell’albero della vita scaduta ieri. La società Expo 2015 infatti, dopo aver preso atto che la gara è andata deserta e aver ricevuto, da parte degli operatori economici, manifestazioni di difficoltà nel processo di caricamento delle offerte, si è determinata a riaprire i suddetti termini. Al fine di preservare la più ampia partecipazione possibile e la concorrenza, le condizioni di partecipazione alla gara restano immutate. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte è fissato alle ore 12 di mercoledì 28 gennaio 2015, al fine di poter così rispettare il cronoprogramma dell’opera", è quanto scrive in una nota la società Expo Milano 2015.

Mancano anche le consegne per tempo delle infrastrutture programmate per Expo, come la strada interquartiere nord che da Zara doveva unire Cascina Merlata e il sito Expo, mentre per la Rho-Monza si punta a una miniversione. Oppure che dire della metropolitana 4 che doveva aprirsi anche solo per un tratto da Linate a Forlanini e che invece l'apertura sarà rimandata all'anno prossimo, mentre il resto del tracciato è appena partito. Non prima del 2016 si potrà salire sul treno tra i terminal 1 e 2 di Malpensa. Anche le Vie d’Acqua non saranno terminate nei tempi, anzi, probabilmente finiranno nel collegamento col fiume Olona. Attendiamo ancora Darsena e Piazza XXIV maggio e gli interventi nel centro di Milano, tutti in dirittura d'arrivo, forse.

Foto da il Corriere della Sera

Expo Center, è la prima grande struttura che si incontra entrando dall’ingresso ovest e con le sue cupole in legno dominerà il sito Expo.

(foto Paolo Foschini)





Padiglione Angola



 Padiglione Repubblica Ceca, quasi ultimato


  



Cluster del cacao



 Cluster del riso




 Padiglione Bielorussia

Padiglione Malesia


Padiglione Kuwait

Padiglione USA


 Padiglione Svizzero

Padiglione Cile



 Padiglione Italia






La passerella che sovrapposero l'autostrada e la ferrovia e che unirà il quartiere di Cascina Merlata con il sito Expo.



Open Theatre, dove ogni sera la giornata si chiuderà con lo spettacolo del Cirque du Soleil. La performance, appositamente creata per la manifestazione meneghina, sarà in cartellone dal 6 maggio al 23 agosto 2015, nella suggestiva cornice del nuovo teatro all'aperto.









Altri padiglioni interessanti all'evento sono:

Padiglione Spagna

Padiglione Bahrain

Padiglione Austria

Padiglione Austria

Padiglione Brasile

Padiglione Cina
Padiglione Cina

Padiglione Giappone

Padiglione Lituania

Padiglione Paesi Bassi

Padiglione Gran Bretagna

Padiglione Vanke-China

Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …