Passa ai contenuti principali

Zona Cordusio - Il velo su Via Meravigli

La patina che citiamo nel titolo non è solo quella dello smog o della polvere che guardando attentamente ci si rende conto che si è depositata su ogni palazzo, ma è anche la patina di sensazione che aleggia in questa via. Via antichissima, esistente già all'epoca della Medolanum romana e che conduceva verso vercellina e il palazzo imperiale.

Lungo il suo percorso all'epoca romana vi era anche il grande teatro, eretto durante l'età augustea, tra la fine del I secolo a.C. e l'inizio del I secolo. L'edificio era molto grande e aveva una scena alta 20 metri ed una cavea del diametro di 95 metri e poteva ospitare tra i 7000 e i 9000 spettatori. Venne distrutto dal Barbarossa nel 1162.

Chiesa di S. Nazaro in Pietrasanta via Meravigli


L'antica contrada che andava da via Santa Maria Segreta al corso di Porta Vercellina e San Giovanni sul Muro ha preso il nome dalla casa dei Meraviglia, che vi abitavano nel medioevo col loro sontuoso palazzo, all'altezza dei civici 2 e 4. Questa famiglia di ghibellini, partigiani prima di parte toriana e poi viscontea, fu resa nobile da Ottone Visconti nel 13º secolo. Nel 1533 Alberto Meraviglia, rappresentante del re di Francia, fini decapitato in piazza Mercanti per aver ucciso un suo rivale politico. Nella stessa epoca la famiglia di non poca fortuna economica si stabilì a Bari a seguito della duchessa Isabella d'Aragona, quindi abbandonando la Città di Milano.
In seguito la via venne anche chiamata contrada delle "Meraviglie" senza nessuna particolare giustificazione dal momento che il maggior titolo di interesse era quello di collegare la zona del Duomo col borgo delle Grazie, appena fuori le mura. Da un lato vi era stato aperto addirittura un piccolo cimitero dipendente dalla vicina chiesa di San Vincenzino, al vecchio numero 12 della via, tutto sparito dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Quando nel 1952 un moderno edificio prese il posto di questa casa, dagli scavi per le fondamenta affiorarono i resti di una dimora romana: un locale balneario con 160 cm di pavimento, anfore vinarie e avanzi di mura perimetrali. Rieferiscono ancora gli storici che nel mezzo dell'antica contrada si trovava una vetusta lastra di granito chiamata la Pietra Santa: si diceva che fosse servita a Sant'Ambrogio per montare più agevolmente sulla mula quando tentò inutilmente di fuggire da Milano per non farsi eleggere vescovo. I fedeli col tempo vi avevano aggiunto anche una cappella votiva ma Pietra e cappella furono seccamente eliminate per ordine del governatore spagnolo Ferrante Gonzaga che voleva una strada più comoda e dritta. Non fu il solo a ordinare ampliamenti e riallineamenti della via, che si ebbero anche tra il 1870 e il 1889, in concomitanza con l'apertura di via Dante.

Palazzo Turati in via Meravigli nel 1903

Via Meravigli incrocio con via Santa Maria alla Porta, fine 800
Sempre lungo il percorso di questa dritta via, nel medioevo vennero edificiate le chiese di San Pietro e Lino (piazza omonima) e la chiesa  di Chiesa di San Nazaro in Pietrasanta, oltre all'abside della chiesa di Santa Maria alla Porta. Tutte tranne l'ultima, oggi sono scomparse. Dell'antica chiesa di San Nazaro in Pietrasanta, demolita per far spazio a via Dante, oggi ci rimane l'antico campanile, già torre medioevale dei Meraviglia e la famosa "Pietra Santa" che venne ricollocata all'interno di San Vincenzo in Prato. Torre/campanile che passa inosservata alla maggioranza della gente, d'altronde ci troviamo a Milano e di antico non c'è nulla, no?

Comunque rimango sempre colpito da come via Meravigli, una via del centro per l'appunto, nonostante abbia grandi e bei palazzi, persino una delle poche torri medioevali della Città come abbiamo visto, abbia quest'aspetto di abbandono dadecenni.

I negozi chiusi o vuoti e saracinesche abbassate, danno quel tocco di desolazione che aumenta l'aspetto triste della via soprattutto sul lato dei civici pari. Possibile che in tutti questi anni non si sia mai riusciti a dare un volto nuovo alla via, nuova linfa? Pare incancrenita: pochi residenti, quasi tutti uffici, e per di più vuoti come il lunghissimo edificio (secondo me molto bello) che si trova ai civici 12 e 14 in attesa di nuovi occuanti (forese si sta muovendo qualcosa?). Come il vicino palazzo moderno all'angolo con Via Manfredo Camperio (civico 2), vuoto e abbandonato da anni. Per fortuna, recentemente è stato rinnovato il bellissimo palazzo neorinascimentale Turati. Ma più che palazzi pieni qui mancano i negozi, manca la linfa per ridare vita ad una via morta. Via a due passi dalla vivissima via Dante e Piazza Cordusio.

































Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …