Passa ai contenuti principali

Zona Centro Storico - Zona 30 per la città romana

Conto alla rovescia per la realizzazione della “Zona 30” all’interno della Cerchia dei Navigli. Nei primi giorni di febbraio, infatti, inizierà la posa della segnaletica con il limite di velocità dei 30 chilometri orari nel cuore della città. Si comincia dall’itinerario della “Milano Romana”, dove l’entrata in vigore della nuova regolamentazione sarà preceduta da una campagna di comunicazione porta a porta.




A partire da oggi, infatti, saranno distribuiti centinaia di volantini informativi nei quartieri interessati dal provvedimento. Inoltre, per disincentivare il traffico in alcune strade, oggi congestionate, come ad esempio via Cappuccio, dal 2 febbraio verranno invertiti i sensi di percorrenza di Via San Pio V, via Necchi, via Santa Valeria, via Nirone, via Vigna e via Cappuccio nel tratto tra Sant’Orsola e via Circo. Si procederà successivamente alla posa delle segnaletiche del limite di velocità lungo tutto il perimetro della nuova area , delimitata a nord da corso Magenta - via Meravigli, a sud da via Torino - via Cesare Correnti, a est da via Orefici - via Cordusio, a ovest da via Carducci-via de Amicis. I cartelli stradali entro maggio saranno estesi a tutto il territorio compreso nella Cerchia dei Navigli.

Il progetto di moderazione della velocità veicolare segue le indicazioni della “Risoluzione sulla sicurezza stradale europea per il 2011-2020”del Parlamento europeo, che “raccomanda vivamente alle autorità competenti di introdurre una velocità massima di 30 km/h per le zone residenziali e per tutte le strade urbane a una sola corsia che non dispongono di pista ciclabile separata, al fine di proteggere meglio gli utenti vulnerabili della strada”. In grandi città europee come Parigi e Londra, grazie all’istituzione delle “Zone 30”, il numero di incidenti stradali è diminuito di oltre il 40%.

“Con le ‘Zone 30’ - ha chiarito l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran - non solo vogliamo rendere più sicure alcune aree cittadine, in particolare proteggendo maggiormente l’utenza stradale più debole, ma intendiamo anche valorizzare la città, invitando in questo modo a riscoprire, magari in biciletta o a piedi, alcuni angoli meravigliosi di Milano. La Milano Romana, con i suoi monumenti, le sue piazze e i suoi reperti archeologici è uno degli itinerari più suggestivi che la nostra città può offrire”.




"Un altro tassello del progetto della Milano Romana si realizza. L'introduzione della Zona 30, insieme alla ristrutturazione delle torri del Museo Archeologico, in via di ultimazione, e agli interventi di riqualificazione edilizia in via Brisa, che andranno a sanare ferite rimaste aperte sul territorio dai tempi della seconda guerra mondiale, contribuisce a valorizzare ulteriormente un'area di grande interesse culturale, già identificata da un percorso turistico pedonale che nei prossimi mesi sarà implementato con nuovi itinerari" ha aggiunto il vicesindaco e assessore all'Urbanistica e Edilizia privata, Ada Lucia De Cesaris.

E la Zona 30 nella Milano Romana si va ad integrare anche con il progetto di ‘wayfinding’, (orientamento pedonale). A partire da maggio, infatti, centocinquanta totem posizionati in varie aree (anche la Milano Romana) della città racconteranno luoghi, monumenti, musei, servizi, parchi, teatri e tanto altro, raggiungibili in pochi minuti rigorosamente a piedi.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …