Passa ai contenuti principali

Zona Porta Garibaldi - Evento BASE

BASE è un evento che identifica Milano come luogo ideale per un dialogo maturo sui luoghi della vita pubblica, sulla loro stratificazione storica e sui residui che questa ha prodotto attraverso alterazioni e perdite di significato. Trae spunto da un elemento architettonico realmente esistente ed ora inutilizzato, per il quale nove artisti (Alessandro Agudio, Daniele Carpi, Giovanni De Francesco, Francesca Ferreri, Fiorella Fontana, Alice Pedroletti, Laura Pugno, Marcello Tedesco, Cosimo Veneziano) sono stati invitati a fornire progetti per il riuso, portando nell'ambito dell'arte pubblica contemporanea un dialogo che negli ultimi anni è stato ampiamente visitato e interpretato da architetti e designer, attraverso sottolineature e restituzioni fondamentali.




Incorniciato da un'apertura laterale dell'arco di Porta Garibaldi, si trova un piedistallo in marmo di due colori, dalla tipica linea aerodinamica degli anni '30, che appare svuotato di ciò che era chiamato a sostenere, per via forse di un furto, o perché diventato politicamente scomodo o obsoleto. Nella sua presenza residuale, e quasi invisibile, il basamento diventa metafora di tanti elementi che nello spazio della città si sovrappongono, creando una stratificazione eterogenea che per lo sguardo più curioso diventa un sottobosco di simboli affioranti.

L'evento BASE sarà ospitato sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio 2015 presso La Stecca a Milano, ed è un progetto di Mirko Canesi e Stefano Serusi per Città Ideale, associazione che ha tra i suoi obbiettivi quello di individuare e proporre nuove modalità di approccio all'operare artistico, definendo la funzione dell'opera d'arte nel contesto contemporaneo e il ruolo dell'artista nella società.



La Stecca, via Gaetano de Castillia 26, Milano
Orari: 31/01/2015 dalle 18.30 alle 21.00 – 01/02/2015 dalle 16.00 alle 20.00

Info: progettocittaideale@gmail.com - www.progettocittaideale.com








Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …