Passa ai contenuti principali

Zona Garibaldi - Cavalcavia Bussa: in mostra i progetti selezionati

Si apre mercoledì 14 gennaio - con una cerimonia che si terrà alle ore 18, alla presenza del vicesindaco e assessore all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris - presso la tensostruttura allestita al Cavalcavia Bussa la mostra dei progetti finalisti dei tre concorsi internazionali destinati a cambiare il volto di una parte dell’area Isola-Garibaldi: la riqualificazione del cavalcavia stesso, il nuovo Centro Civico e il Padiglione dell’Infanzia che sorgeranno nel parco pubblico 'La Biblioteca degli Alberi'. Progetti frutto di un innovativo percorso di progettazione partecipata, incontri e discussione pubblica, con cui il Comune di Milano ha coinvolto i cittadini nell’ideazione e rifunzionalizzazione di luoghi urbani di ritrovo ed uso collettivo.




“La città come bene comune è l’orizzonte politico e culturale che ispira l’azione dell’amministrazione nel costante lavoro di riqualificazione del territorio - ha spiegato il vicesindaco -. Una prospettiva particolarmente importante in un’area interessata da grandi trasformazioni urbanistiche, come è quella di Garibaldi-Repubblica, dove è viva la necessità di coinvolgimento concreto e strutturato dei cittadini”.

Nella tensostruttura di 400 metri quadrati, che ospiterà anche workshop e serate a tema, saranno esposti fino al 30 gennaio i trenta progetti finalisti, dieci selezionati per ogni concorso, tra cui i tre vincitori: il Padiglione Infanzia di Esaù Acosta Perez, il Centro Civico di Alessio Bernardelli, Chilometro429, e il Cavalcavia di Eliana Saracino TSpoon.
Progetti che sono stati selezionati tra gli 829 che complessivamente hanno partecipato ai tre bandi, utilizzando la piattaforma concorsuale informatica – Concorrimi - realizzata dall’Ordine degli Architetti in collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica.






“Siamo molto soddisfatti di questa mostra e del percorso che ha portato alla sua realizzazione - ha aggiunto Valeria Bottelli, presidente dell’Ordine -. Quali ideatori e proprietari in prima persona della prima piattaforma italiana interamente informatica che gestisce i concorsi, garantendo un iter gestionale rapido, trasparente ed economicamente vincente, la consideriamo un ulteriore passo in avanti all’insegna della chiarezza e del dialogo tra chi amministra la metropoli e la cittadinanza”.

"Inoltre - ha concluso la presidente Bottelli - da queste procedure è nata una nuova opportunità offerta dal nuovo Regolamento Edilizio, che prevede premialità in termini volumetrici per i privati che ricorreranno a questa tipologia di concorso per i loro interventi. Le premesse perché la piattaforma Concorrimi diventi uno standard e uno strumento nazionale ci sono”.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …