Passa ai contenuti principali

Zona Lampugnano - Il Giardino dei Giusti


L’area del “Giardino dei Giusti di tutto il mondo”, situata nel Parco del Monte Stella, sarà affidata all’Associazione Giardino dei Giusti di Milano che già ne cura le attività, allo scopo di valorizzarla con la realizzazione di nuove strutture. Lo ha deciso la Giunta comunale che, accogliendo la richiesta avanzata dall’Associazione, ha stabilito la concessione in uso gratuito dell’area di proprietà del Comune di Milano di 7.626 mq.

“Sono molto lieto che si sia dato corso a questo importante obiettivo su cui mi sono impegnato insieme al Consiglio perché potesse diventare realtà – ha detto Basilio Rizzo, presidente del Consiglio comunale. “Certamente questo Giardino contribuirà a rendere Milano una città più attraente e sarà un luogo di cui andare orgogliosi per il valore della sua testimonianza”.

“Apprendo con grande soddisfazione della delibera della Giunta di Milano di assegnazione dell’area del Monte Stella per la ristrutturazione del Giardino dei Giusti, che ha l’intento di offrire alla cittadinanza e ai giovani in particolare un importante punto di riferimento morale ed educativo – dichiara Gabriele Nissim, presidente di Gariwo. “Mi auguro che quanto prima siano anche approvati tutti i permessi tecnici che renderanno possibile la realizzazione effettiva del progetto, in modo che il Giardino di Milano possa diventare nell’anno dell’Expo un esempio per il mondo intero. Ricordare i Giusti significa insegnare il valore più alto dell’Umanità: non uccidere e impedire i genocidi e la violenza contro gli uomini. Nutrire il pianeta deve significare anche promuovere il cibo per la mente, la cultura per il futuro basato sull’esempio morale dei Giusti”.

L’iniziativa è stata promossa dall’Associazione Giardino dei Giusti, costituita il 13 novembre 2008 allo scopo di gestire il giardino su iniziativa del Comune di Milano, del Comitato per la Foresta dei Giusti - Gariwo e dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane che ne sono i soci fondatori. Il progetto proposto all’Amministrazione prevede la realizzazione di un percorso monumentale lungo il quale si snodano nuove strutture come il Giardino del Dialogo, il Giardino delle Macerie, il Giardino della Meditazione e l’Auditorium all’aperto per ospitare le iniziative dedicate ai Giusti. L’Associazione si farà carico degli oneri di gestione e di manutenzione per tutta la durata della concessione e dovrà garantire l’accessibilità e la fruibilità pubblica.
       
L’Amministrazione comunale contribuisce alla realizzazione del progetto con la fornitura dei masselli in pietra, in giacenza presso i depositi del Settore Infrastrutture, che saranno utilizzati per la creazione dei camminamenti. La durata della concessione è di dieci anni, con facoltà di rinnovo: alla scadenza il Giardino dei Giusti rientrerà nella disponibilità del Comune di Milano. Il completamento dei lavori è previsto entro Expo 2015.

Il Giardino dei Giusti, ispirato al giardino del Memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme, nasce per onorare persone di tutto il mondo che con le loro azioni si sono opposte a qualsiasi genocidio e crimine contro l’umanità. Il giardino dedica un albero di pruno e un cippo di granito a ogni persona riconosciuta Giusta.






Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …