Passa ai contenuti principali

Zona San Siro - L'ippodromo e le scuderie di San Siro

Le scuderie di San Siro Galoppo sono una splendida eredità dell’architettura di inizio ‘900 e fanno parte del comprensorio dell’ippodromo, progettato da Paolo Vietti Violi e inaugurato nel 1925. Costruite secondo lo stile del cottage inglese o della cascina normanna, nel tempo la loro estensione è stata gradualmente erosa a favore dell’espansionismo immobiliare. Oggi conta circa 1000 box, ma - a causa della crisi e di una politica fiscale severa nei confronti dei proprietari - i cavalli censiti occupano attualmente circa la metà del potenziale ricettivo.
Le scuderie sono un tesoro nascosto nelle pieghe della città. Chi frequenta i meeting domenicali o infrasettimanali dell’ippodromo conosce l’impianto in cui si svolgono le corse, ma difficilmente ha accesso al backstage. L’area dedicata all’allenamento dei purosangue, per lo più sconosciuta alla cittadinanza, è un angolo di verde incontaminato nella zona ovest di Milano e rappresenta un’enclave sospesa nel tempo e nello spazio. Purtroppo i Milanesi (non per causa loro ma per l’assenza di una strategia istituzionale di comunicazione capace davvero di integrare il tessuto urbano) ignorano la meraviglia che si dischiude oltre i cancelli di via Ippodromo e via Montale, altrimenti si batterebbero per preservare questo gioiello dagli attacchi predatori del real estate.
A difesa degli ettari di verde che resistono alla destinazione d’uso per cui erano stati concepiti, da diversi anni è attivo un Comitato animato dagli abitanti del Quartiere. Ma naturalmente sarebbe opportuno che tutta la Città considerasse il centro di training un patrimonio urbano da salvaguardare.





Noi di UrbanFile abbiamo varcato i cancelli delle Scuderie della Trenno e, grazie ai ragazzi del team Briantea, ci siamo calati in un mondo a dir poco suggestivo tra rumori di zoccoli scalpitanti e sbuffi di cavalli al rientro dai lavori.
In una mattina estiva di pioggia battente abbiamo scoperto quello che quotidianamente accade in questo angolo agreste di una Milano sempre più proiettata verso l’Expo.
L’appuntamento con la magia è stato fissato alle 6,00. È questa l’ora in cui arrivano i rider, ovvero i ragazzi incaricati di montare i cavalli in allenamento, che spesso sono anche i fantini delle corse. Quando arriviamo c’è chi è in scuderia da almeno un’ora: sono i lad, ovvero gli uomini (per lo più di grande esperienza) che si occupano di pulire i box e preparare i purosangue per la loro sessione di training.
Intorno, nonostante la copiosa precipitazione, è un andirivieni di cavalli disposti in file indiane che delimitano l’appartenenza all’uno o all’altro team.
Il primo lotto di cavalli Briantea si limita a un’ora di passo e trotto sotto un capannone coperto: nell’ippica ci si deve ancora adeguare alle condizioni atmosferiche imposte dalla natura.
Al termine del lavoro di questo primo gruppo di puledri, una buona colazione con caffè e brioche ci aspetta in un locale selleria adattato ad ambiente ristoro.
Dopo una ventina di minuti di pausa, ci si avvia verso la seconda uscita, e poi la terza quando finalmente spiove e, terminata la fase di riscaldamento, ci si dirige verso una delle due piste di allenamento per un canter, ovvero un buon galoppo, su fondo sabbioso.
Nel percorso che dai fabbricati delle scuderie porta verso le piste della Maura e di Trenno è un susseguirsi di scorci vintage, come l’officina dove i maniscalchi piallano i ferri. Su questi vialetti spesso incorniciati dagli alberi, ha ha camminato Ribot, ospite dell’impianto negli anni 50.
Qui tutto sprigiona storia e parla non solo di ippica, ma anche di un tempo in cui la Città era a contatto con le sue emozioni e a questo capitale sapeva attingere.
La nostra visita si è conclusa verso mezzogiorno con l’aperitivo più alternativo che avessimo sperimentato, tra i musi dei cavalli affacciati dai loro box. Davvero non sembrava di essere a Milano!

Con questo piccolo reportage speriamo di avervi incuriosito e vi inviatiamo a passare una domenica all’ippodromo o, perchè no, di partecipare alla speciale riunione notturna di sabato 6 settembre: dopo tanti anni, le luci su San Siro Galoppo torneranno a illuminare un’indimenticabile serata di sport.


















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …