Passa ai contenuti principali

Il grande rischio: l'abrogazione della liberalizzazione delle aperture

Scritto da Luca Chiappini


Nel dicembre 2011, sotto il Governo Monti, si è ottenuta una graduale deregolamentazione (con sostegno sia di Pd sia di Pdl), fino ad arrivare alla liberalizzazione degli orari di apertura: un risultato che noi di UrbanFile riteniamo molto importante. In pratica, significa che gli esercizi commerciali hanno la possibilità di aprire e chiudere quando vogliono.

Un passo indietro: vi ricordate quando, solo fino a un paio di anni fa, Milano non aveva neanche un negozio aperto di notte? Fate un giro in qualsiasi capitale o medio-grande città estera, da Londra a Parigi, da Praga a Berlino, è tutto un altro andare. Molti negozi, negozietti e alimentari aperti anche di notte, alcuni addirittura 24h. Così, quando nel 2012 il Carrefour di Piazzale Clotilde avviò un orario di 24/24 ore, fu una sorta di rivoluzione, un ulteriore passo per la metropoli più avanguardistica d'Italia per diventare internazionale ed uscire dal torpore stantio di una tradizione italiana lenta e attempata.

Ora non comprendiamo perché la regione Lombardia, insieme ad Abruzzo, Umbria e Veneto, vogliano proporre un referendum per abrogare tale legge. Nel  panorama italiano fatto di burocrazia macchinosa e schiacciante, di tonnellate di carte e scartoffie, di regole che nemmeno l'Azzeccagarbugli dei Promessi sposi e di codici, codicini, cavilli e manualoni di articoli contraddittori, non si riesce a capire perché si vorrebbe abrogare uno di quegli interventi che hanno reso una spanna più semplice il lavoro ai commercianti. Specialmente in clima di crisi, bisognerebbe agevolare il commercio e le attività, dal momento di guai ne hanno fin troppi (non solo a livello economico, ma soprattutto a livello burocratico, per l'appunto).

Come fa notare Alberto Mingardi sul Corriere della Sera, la Vogue Fashion Night Out di martedì 16 settembre 2014 è stata un successone soprattutto per l'apertura serale di oltre 600 negozi, non solo per attività commerciali ma in generale per partecipare del clima festoso. Mingardi fa notare che per tornare a crescere la strada è "cercare clienti".

Cosa succederà se invece la Lombardia, che pure è una delle regioni più sviluppate d'Italia, quella trainante per eccellenza e che si troverà ad ospitare Expo nel 2015, riuscirà ad abrogare questa liberalizzazione? Si tornerà cento passi indietro e si rovinerà un clima che si stava orientando verso un'apertura e una internazionalizzazione insperabile fino a pochi anni fa, e che invece si stava (si sta) concretizzando. Lentamente, Milano comincia a inscriversi nel firmamento europeo e internazionale. Speriamo vivamente che non si voglia guastare questo cammino.

Fonte: Corriere

Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …