Passa ai contenuti principali

Zona Navigli - Parte la secca autunnale

Sono iniziate le operazioni per la messa in ‘secca’ dei Navigli milanesi per consentire i lavori di pulizia e manutenzione che quest’anno, in vista di Expo 2015 e dei lavori alla Darsena, sono particolarmente importanti.

Una novità importante riguarda la riapertura, dopo un secolo, del canale del Ticinello che dalla Darsena scolmerà nella Vettabbia.

Il Ticinello è il canale scolmatore della Darsena e porta l’acqua in eccesso verso il torrente della Vettabbia, che sbuca sotto il manto stradale all’altezza della zona di Morivione e Ripamonti. Il canale passa sotto l’Arco di Porta Ticinese e con i lavori che stanno per cominciare tornerà visibile nel primo tratto. Al Ticinello sarà rifatto il maquillage, dalle murature ad una ringhiera nuova.

Gli altri interventi riguarderanno i Navigli Grande, Pavese, Bereguardo e Martesana, con oltre 30 cantieri già aperti.

L’asciutta dei Navigli milanesi durerà fino ad aprile 2015.

Particolare attenzione, già in questi giorni, viene dedicata alla tutela dei pesci e delle anatre che vivono nei canali urbani. Il piano per la salvaguardia della popolazione ittica è già attivo e viene supervisionato dall’Ufficio Animali del Comune di Milano.

Le operazioni saranno intensificate nei prossimi giorni mano a mano che il livello dell’acqua andrà a calare.

I recuperi degli esemplari di pesce vengono effettuati prevalentemente a monte di Milano dal personale del Canale Villoresi affiancato dalla Polizia Provinciale. I recuperi vengono di norma effettuati con reti e, se necessario, con l’ausilio di appositi strumenti “cattura pesci”, utilizzati esclusivamente da personale che ha seguito specifici corsi. Il pesce recuperato viene posto in vasche d’acqua ossigenata e trasportato nel luogo di reimmissione. La Polizia Provinciale presenzia e verbalizza a ogni operazione di recupero per verificare quantità, specie del pesce recuperato, eventuale mortalità e indica dove reimmettere il pesce.
All'ingresso delle acque nel Comune di Milano i recuperi sono molto limitati e raramente si creano condizioni di accumulo di pesce in pozze. Prevalentemente le operazioni sono effettuate in Darsena, con particolare attenzione, e per quanto riguarda la Martesana, all’altezza di Gorla.

I dati degli ultimi anni indicano un recupero della popolazione ittica pari al 95 %.

Diverso il caso delle anatre che si spostano autonomamente e temporaneamente verso luoghi adatti quando calano i livelli dell'acqua.

Per avere aggiornamenti sui lavori è possibile consultare i siti:
www.naviglilombardi.it
www.etvilloresi.it






Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …