Passa ai contenuti principali

Zona Stazione Centrale - Aperto l'ascensore per accesso alla metropolitana

E' stato aperto al pubblico, con un mese d'anticipo rispetto al programma, il nuovo ascensore di piazza Duca D'Aosta, antistante la Galleria delle Carrozze della Stazione Centrale, per consentire alle persone con disabilità l'accesso diretto e facilitato alla stazione ferroviaria e al mezzanino della metropolitana. L’impianto ha superato il collaudo da parte dell’organismo ministeriale dell’USTIF ed è entrato in funzione giovedì scorso. L’ascensore consentirà, d’ora in poi, di raggiungere facilmente i due livelli sotterranei, il piano meno 1, dove è posto il corridoio che conduce alla stazione ferroviaria e il piano meno 2, che conduce alle linee 2 e 3 della metropolitana.

“La Stazione Centrale diventa più accessibile per tutti, dalle mamme con passeggini alle persone anziane ma, soprattutto, alle persone con disabilità motorie – dichiara l’assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran -. Il nostro impegno è mirato all’eliminazione delle barriere architettoniche affinché Milano diventi davvero una città fruibile a parità di condizione da tutti”.

"Abbiamo raggiunto questo obiettivo - spiega l'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino - attraverso un lavoro che ha coinvolto direttamente i rappresentanti del mondo della disabilità con cui abbiamo istituito una task force impegnata su diversi ambiti per risolvere i problemi ventennali di questa citta rispetto alla sua completa accessibilità in occasione di Expo 2015 e non solo. Molto c'è ancora da fare ma siamo sulla buona strada, abbiamo iniziato una rivoluzione culturale che sta dando i primi frutti".


Il nuovo ascensore, realizzato da Grandi Stazioni e gestito da Atm, fa parte del progetto di riqualificazione, in via di completamento, della Stazione Centrale di Milano e degli spazi limitrofi di piazza Duca D’Aosta, piazza IV Novembre e via Sammartini, che ha dato un nuovo volto a una delle zone più densamente trafficate della città per quanto concerne gli spostamenti delle persone, cittadini, pendolari, e turisti.

Piazza IV Novembre è già stata interessata da un’opera di restyling con il rifacimento della pavimentazione, l’inserimento di percorsi tattili di nuova generazione accessibili alle persone con disabilità sensoriali, studiati ad hoc in sinergia con le associazioni, e scivoli per l'accesso delle persone con disabilità motorie, oltre all’inserimento in corsia riservata di nuovi parcheggi riservati.

I due interventi fanno parte di un piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche messo a punto dalla task force per l'ambito della mobilità (composta da direzione centrale Mobilità, direzione centrale Politiche sociali e Cultura della Salute, Società Expo, rappresentanti del Terzo e del Quarto settore, Amat, Mm, Atm, Trenord, RFI) che ha individuato una decina di percorsi tematici tra quelli di maggior interesse per i visitatori Expo. Su questi si stanno concentrando trasversalmente gli sforzi dell‘Amministrazione al fine di renderli il più possibile accessibili alle diverse forme di disabilità. Entro febbraio, inoltre, entreranno in circolazione altri tredici nuovi taxi ecologici e accessibili ai disabili, che andranno ad aggiungersi ai dodici
già attivi.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …