Passa ai contenuti principali

Zona Castello - L'Expo Gate candidato per il premio internazionale di architettura Mies van Der Rohe



Odiato e amato dai milanesi, il piccolo complesso collocato come una sorta di varco temporale tra la città e il Castello Sforzesco è entrato a far parte di una lista di edifici architettonici che una giuria internazionale sceglierà a breve. 

L'opera, costituita da una piazza centrale e due padiglioni a "casello" laterali, è realizzata secondo i principi di leggerezza, trasparenza e modularità: 1000 metri quadrati coperti su due livelli, metallo e vetro per un'altezza di 18,5 metri che hanno richiesto 120 giorni per la sua progettazione e 150 per la sua realizzazione. La struttura è tutta esterna, le coperture e il primo piano sono appesi. Per dare continuità tra i volumi e sottolineare la sensazione che lo spazio pubblico sia indistintamente coperto e non, il pavimento di Expo Gate è lo stesso della piazza esterna di 4mila metri quadrati.

Ogni edizione del riconoscimento Mies van Der Rohe assegna un premio di 60.000 euro (il più alto fra tutti i premi di architettura europei) all'opera più meritevole, realizzata nei due anni precedenti in una delle nazioni interessate, e una Menzione Speciale per Architetti Emergenti, che attribuisce 20mila euro ai giovani professionisti come incentivo allo sviluppo professionale futuro.
L'edizione 2013 del premio è stata vinta dalla nuova Concert hall and Conference Centre Harpa di Reykjavik progettata dallo studio d'architettura Henning Larsen, mentre la menzione speciale per gli architetti emergenti è stata assegnata agli architetti Maria Langarita e Victor Navarro per il progetto Nave de Música Matadero (Red Bull Music Academy) realizzato a Madrid.















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …