Passa ai contenuti principali

Commercio: 83 nuovi chioschi in arrivo per il 2015

Più spazi di vendita su suolo pubblico in tutte le nove Zone della città. Sono state approvate oggi dalla Giunta di Palazzo Marino le linee guide per l’assegnazione di 83 nuove postazioni sia per sola attività di vendita o con somministrazione. Un’esigenza di ampliamento dettata anche dall’imminenza di un appuntamento come l’Esposizione Universale 2015.





“Un provvedimento che va nella direzione di ampliare l’offerta di questa tipologia di commercio che si prevede facilmente fruibile dai tanti visitatori previsti per Expo”. Così l’Assessore al Commercio e Attività produttive Franco D’Alfonso che prosegue: “Nuovi chioschi in luoghi oggi sempre più frequentati e vissuti dai cittadini e dai visitatori, come giardini o aree oggetto di riqualificazione, in centro come in periferia. Penso, ad esempio, a piazza Beccaria, viale Elvezia, Darsena, piazza Leonardo Da Vinci e Foro Bonaparte”.

Le linee guida approvate oggi hanno il compito di indicare le modalità di selezione per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e di concessione dei nuovi spazi individuati per un periodo di 12 anni che decorreranno dall’assegnazione del posteggio. Le 83 aree ospiteranno delle strutture di vendita tipo chiosco, secondo i modelli e canoni estetici indicati dal Comune per garantire l’omogeneità estetica e il decoro, adibite sia a vendita alimentare con somministrazione sia non alimentare (escluso abbigliamento). I chioschi con somministrazione inoltre dovranno essere dotati di servizi igienici per il personale e per la clientela. La loro dimensione massima sarà di 15 mq, ove possibile aumentabile a 24 se il servizio igienico previsto sarà ad uso pubblico e non solo dei clienti.

Il canone per l’occupazione varierà a seconda dell’ubicazione del posteggio e sarà calcolato in base al regolamento COSAP e compreso tra un minimo di 77 euro e un massimo di 255 al mq annui a seconda delle caratteristiche economiche e sociali delle vie e delle Zone in cui gli spazi sono ubicati. Gli spazi proposti sono stati individuati sia in funzione della disponibilità delle aree ma anche delle nuove modalità in cui i cittadini vivono le Zone: dai parchi alle nuove aree urbane della città.

Possono presentare domanda per il rilascio dell’autorizzazione le persone fisiche, le ditte individuali, le società di persone e quelle di capitali regolarmente costituite così come le cooperative. Ogni soggetto può presentare due domande e qualora per lo stesso posteggio pervengano più richieste avranno priorità gli operatori di Zona 1 che nel corso dell’ultimo triennio sono stati oggetti di trasferimento o non rinnovati. Priorità anche per i titolari di concessioni temporanee che intendono stabilizzare la propria posizione lavorativa.

Per le postazioni individua  te in aree sottoposto a vincolo architettonico, monumentale ovvero paesaggistico sarà comunque necessaria l’acquisizione di specifico parere delle autorità competenti sulla base dei progetti presentati dagli interessati.

Tutti i termini e le modalità di partecipazione al bando verranno pubblicate nelle prime settimane di gennaio sul sito www.comune.milano.it nella sezione Bandi e gare.


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …