CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

venerdì 12 dicembre 2014

Zona Abbadesse - L'angolo di campagna a due passi dalle torri moderne

Ci troviamo a due passi da via Galvani e dalla torre di 161 metri del Palazzo Lombardia, Viale Francesco Restelli col suo giardino si ferma per rivelare un angolo che ricorda più una stradina di campagna piuttosto che un tratto di strada cittadina. Via Abbadesse percorre ancora la vecchia direzione verso Niguarda non curandosi dell'andamento lineare delle altre vie sviluppatesi col tempo e le attraversa diagonalmente. La zona era agricola, resa fertile dalla presenza di diversi fontanili e rogge. Qui vi erano i terreni delle monache di San'Agostino e da questo deriva il nome dato poi alla via e alla zona.
All'epoca di San Carlo Borromeo, viene posta una Croce su un piedistallo (come in molte zone di Milano)  dal quel momento diviene un luogo processionale, per le periodiche cerimonie devozionali sotto il governo della Compagnia della S.Croce fondata nel 1644.  Nel '700 La Contessa Lavinia Marliani fa costruire una chiesetta con sagrestia e casino per il cappellano, da lei stipendiato Quando muore lascia la proprietà e il patronato della chiesetta (intitolata ai Santi Carlo e Vitale ) al marito con l'obbligo di devolverli all'Ospedale maggiore, di cui era benefattrice Come molte delle proprietà dell'ospedale, la chiesetta, o oratorio, va in abbandono fino a quando nel 1911 la Soprintendenza non scopre che ci sono gli affreschi di Pietro Maggi, realizzati su ordine della contessa e pone il vincolo (ecco perchè sopravvive, per nostra fortuna).


L'oratorio dei SS. Carlo e Vitale alle Cascine Abbadesse















Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...