Passa ai contenuti principali

Zona Buenos Aires - E se si chiudesse il Corso?

Il Consiglio di zona 3 vuole proporre per tutto il periodo EXPO la chiusura del traffico in Corso Buenos Aires ogni domenica. Naturalmente questo sta sollevando non poche reazioni contrarie. 

Infatti a gennaio il consiglio di Zona 3 presenterà la delibera, con cui chiederà formalmente a palazzo Marino la chiusura “strutturale” del corso la domenica, da maggio alla fine di ottobre, durante tutto il periodo dell’esposizione universale. L’iniziativa è stata annunciata dal presidente di Zona 3 Renato Sacristani e dall’ad di Corsorzio Buenos Aires, Domenico Zimbalatti, in occasione della presentazione del brand “Shoppingdistrict”, in via Benedetto Marcello.

“Già da tempo il consiglio di Zona ha manifestato la sua volontà sulle chiusure domenicali. Avevamo pensato - ha spiegato Sacristani - a una chiusura al mese, e fino ad ora ne abbiamo realizzate diverse, in occasione di vari eventi. Per Expo vorremmo che la chiusura domenicale diventasse strutturale, a prescindere dalla organizzazione di eventi, ovvero anche per il semplice passeggio. Lo chiederemo formalmente al Comune a gennaio con una delibera del consiglio di Zona. Il Consorzio Buenos Aires sta lavorando a un programma importante di eventi, ma il corso potrà in questo modo essere a disposizione per tutti quei piccoli eventi per ‘Expo in citta’’ che avranno bisogno di una collocazione”.

Ha assicurato un “interessante programma” di eventi in via di organizzazione Zimbalatti: “Chiederemo la chiusura domenicale durante tutto Expo, stiamo lavorando a una serie di attività centrate sulla musica.Dobbiamo pero’ avere la certezza della collaborazione del Comune, anche per l’aspetto autorizzativo e organizzativo. Sappiamo che c’e’ un gruppo di lavoro che sta affrontando questo tema”. Nelle prossime settimane, ha spiegato Sacristani, si “definira’ il ruolo del Consorzio per gli eventi durante Expo”. La pedonalizzazione ha l’obiettivo di “valorizzare il corso, un asse centrale in una zona che conta 150mila abitanti”, ha detto Sacristani, e per realizzarlo la Zona conta anche sul “percorso di trasferimento di competenze” dal Comune al decentramento.

Articolo da Il Giorno

Naturalmente noi siamo più che d'accordo, anche perché chi va a far shopping non entra nei negozi con la vettura, no?  





Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …