Passa ai contenuti principali

Servizi Comunali: la battaglia contro gli imbrattamuri avrà un arma, anzi, due

Il Comune acquisterà due macchine per rimuovere i graffiti dai muri e le affiderà ai tecnici del Nucleo intervento rapido (Nuir). Sarà una squadra per gli interventi d’emergenza, e servirà per cancellare principalmente scritte ingiuriose, di propaganda di qualsiasi tipo, razziste e di minaccia, mantenere integre le pareti sulle quali gli imbrattamenti sono stati già rimossi.

L'obiettivo è quello di presentare una città più pulita per l’apertura dell’Esposizione universale. Il criterio di base lo spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Carmela Rozza: «Cancelliamo le scritte, aiutiamo i cittadini che salvaguardano gli spazi pubblici, perseguiamo vandali e imbrattatori. Ma sosteniamo anche la street art e i progetti che possano abbellire Milano. La battaglia contro i graffiti vandalici va affrontata su più livelli». 

Entro la fine dell’anno sarà pronta (almeno in bozza) la delibera che assegnerà alla street art almeno 100 nuovi spazi. Spazi comunali, tra cui tutti i sottopassi, ai quali potrebbero aggiungersi ulteriori muri, concessi dalle Ferrovie e da altre aziende: le trattative per allargare il progetto «muri liberi» sono in corso. Ed è aperto anche un’altro tavolo, quello che dovrebbe trasformare via Stephenson, la strada di accesso a Expo. Palazzo Marino spera di chiudere un accordo con la società che ha in mano l’Esposizione per coinvolgere l’accademia di Brera o le scuole d’arte e portare disegni e colori (probabilmente su pannelli) in quella zona di collegamento.
Tutti i capitoli di questa nuova campagna del Comune ruotano intorno alla delibera già approvata a Palazzo Marino e che a breve sarà finanziata con un milione e mezzo di euro. I fondi serviranno per aprire un bando per la pulizia di spazi comunali. Il Comune è però cosciente che gli interventi non basteranno. E quindi punta molto sulla collaborazione con comitati, enti, cittadini. «In queste settimane sto personalmente incontrando molti direttori scolastici - spiega l’assessore Rozza - per proporre percorsi che coinvolgano studenti e insegnanti».
Fonte Corriere della Sera.







Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …