CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

giovedì 11 dicembre 2014

Zona Porta Garibaldi - La Casa degli Artisti

La Casa degli Artisti, si trova in via Tommaso da Cazzaniga, una traversa di Corso Garibaldi. Gli edifici in questione, ora in rovina, vennero realizzati nel 1911 per volere di due mecenati milanesi per ospitare studi di artisti. Gli spazi hanno grandi vetrate tutte esposte a nord per sfruttare al meglio la luce indiretta, gli studi dei piani superiori hanno una terrazza che si riteneva indispensabile per un atelier. Rappresentava il cuore bohemien della vecchia Milano degli artisti. Qui vi lavorarono il Tallone, il Beltrame, il Ferraguti-Visconti, l'Alciati, il Solenghi, il Corvaja e altri. Era ricordata per questa come un luogo festoso ma anche di idee.




L'edificio era un precursore dell'architettura razionalista in quanto fu una delle prime costruzioni in cemento armato e ferro in Italia. Nella facciata meridionale sporge un corpo aggettante completamente in ferro e vetro, che da luce ai corridoi dove sono distribuiti gli ateliers. I prospetti nord ed est presentamo una struttura in pilastri di cemento armato, rivestiti in finte bugne d'intonaco, fra i quali si aprono le ampie vetrate degli studi. Addossato al corpo est è un ampio terrazzo delimitato da balaustrini, che costituiscono l'unico elemento decorativo tradizionale nella compagine razionalista dell'insieme. Il tutto si affaccia su un grazioso giardino oggi aperto al pubblico.

Dopo l'esproprio, da parte dell'allora Podestà, è iniziato un periodo di abbandono, conclusosi con l'occupazione nel 1978, e la costituzione dell’Associazione Casa degli artisti nel 1979, da parte di alcuni artisti e critici d'arte come Giuseppe Spagnulo, Hidetoshi Nagasawa, Luciano Fabro, Paola Brusati, Jole De Sanna. Dopo un imponente lavoro di recupero della struttura, in questi stessi spazi, negli anni a venire, si sono succeduti artisti delle diverse discipline: pittori, scultori, fotografi, scenografi, videomaker e liutai, con spirito di apertura alla città e condivisione della cultura che qui veniva prodotta, attraverso l'organizzazione di mostre, concerti, proiezioni cinematografiche, performance e spettacoli teatrali.

Fino a qualche anno fa una scritta su strada ricordava la presenza del più antico convento di S. Anna qui allocato.

Oggi un cartello di cantiere recita:

Opere a scomputo oneri:
Ristrutturazione al rustico degli interni del Bar Bianco
Restauro completo degli esterni del Bar Bianco con annessa pensilina
Messa in sicurezza della Casa degli Artisti

Quindi non vedremo a breve la Casa degli Artisti ristrutturata, ma solo messa in sicurezza per evitare che crolli. Comunque c'è un bellissimo progetto di restauro di Arassociati, fermo nel cassetto da molto tempo oramai.
Dal sito di Arassociati:
Gli interventi, in senso generale, sono finalizzati a riportare quest’edificio simbolico di Brera a condizioni di immagine architettonica il più vicine possibili a quelle originarie e, allo stesso tempo, ad adeguarlo agli usi contemporanei nell’ambito di un rinnovato decoro urbano. L’edificio, concepito ai primi del Novecento per accogliere gli studi degli artisti che gravitavano in Brera, inizialmente non aveva un rapporto diretto con la via, bensì era costruito all’interno dell’isolato contornato in gran parte dagli orti e dai giardini che allora garantivano un totale rapporto naturalistico e di quiete; rapporto che ancora permane nonostante le trasformazioni urbane del contesto grazie all’attuale parco pubblico di via Tommaso da Cazzaniga.





Foto Jasper90




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...