Passa ai contenuti principali

Zona Portello - Terminati i lavori al nuovo asilo nido

Un altro asilo nido arricchirà da settembre i servizi per l’infanzia offerti dal Comune di Milano. Sono giunti a conclusione i lavori di realizzazione della nuova struttura del Portello, opera di urbanizzazione secondaria realizzata nell’ambito del progetto di riqualificazione delle aree che storicamente ospitavano gli stabilimenti dell’Alfa Romeo.

L’asilo, che sarà aperto per l’inizio dell’anno scolastico 2015-2016, è pensato per un’utenza di 60 bambini, incrementabile fino a 72. L’edificio – progettato dallo Studio Canali di Parma, costruito in poco più di due anni e costato complessivamente 2,5 milioni di euro - ha una superficie di circa 800 metri quadri ed è dotato di un’area a verde di circa 600 metri quadri, allestita per il gioco dei più piccoli con gomma anti trauma. L’ingresso principale alla struttura è in via Palazzolo 12, in prossimità di un nuovo parcheggio pubblico con 70 posti auto di capacità, ma è possibile accedervi anche dal parco pubblico attiguo e dalla passerella ciclo-pedonale che scavalca viale Serra. L’asilo è attrezzato anche con spazi destinati alla cucina, che per le sue dimensioni potrà essere utilizzata per preparare il cibo destinato anche ad altri asili, lavanderia, deposito e rigoverno locali, ricovero passeggini e biciclette. Le vetrate delle pareti perimetrali interne, i percorsi colonnati, i pergolati di collegamento con il parco e il “tetto verde” visibile dalla passerella sovrastante ne fanno un edificio perfettamente integrato nel paesaggio, per permettere ai bambini di poter usufruire di un’ampia area verde in totale sicurezza.
Con l’asilo nido del Portello – in aggiunta alle nuove scuole materne e ai nidi di via Colletta, Santa Giulia, via Maestri Campionesi e quartiere Adriano - giungono così a cinque le strutture per l’infanzia aperte da questa amministrazione comunale, per un totale di 589 nuovi posti. “Il completamento di questo asilo nido nel rispetto dei tempi previsti è anche il frutto della politica di attenzione di questa amministrazione, che ha voluto un nuovo rapporto di collaborazione tra pubblico e privato, in cui la realizzazione delle opere pubbliche deve necessariamente correre di pari passo agli interventi privati sul territorio” afferma il vicesindaco e assessore all’Urbanistica, Ada Lucia De Cesaris.



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …