Passa ai contenuti principali

Zona Darsena - Il delirio della Notte delle Lanterne

Cos'è successo ieri sera, mercoledì 24 giugno? Migliaia, forse quasi centomila persone si sono riversate alla Darsena sperando di vedere uno spettacolo che dalle promesse doveva essere suggestivo  ma che invece si è rivelato un clamoroso flop mandando in tilt una buona fetta di città. 

“La Notte delle Lanterne” è una tradizione buddista durante la quale i partecipanti scrivono un pensiero su di una lanternina in carta accesa da un piccolo lumino e posata sull'acqua (altre vengono sospinte in cielo come mini mongolfiere). Anche a Milano si è voluto proporre l'evento. Organizzato dall’Unione Buddhista Italiana e da Urbanzen Bpeace, l'evento doveva essere suggestivo e mistico solo per un migliaio di persone. Tramite i social network e i media di ogni genere la voglia dei milanesi per uscire e ammirare qualcosa di nuovo (e forse per fotografare l'evento per poi postarlo sempre sui social) è stata così tanta da attrarre nella zona tra Porta Genova e Porta Ticinese migliaia di persone tanto da rendere saturara la rete dei cellulari e bloccare anche le vie fino a più di un chilometro dal luogo, tanto che persino da via Torino era impossibile prendere un tram per raggiungere la Darsena. Così chi è riuscito a raggiungere la Darsena per ammirare le lanterne alla fine ha visto solo migliaia di teste stipate sulle sponde e pochi lumini. Oltre a tutto anche le lanterne adagiate sul velo dell'acqua erano pochissime, una delusione pazzesca (qualcuno ha scritto che ha visto più UFO nella vita che lanternine all'evento).

Cosa sarà andato storto? Forse chi ha organizzato l'evento non si aspettava una partecipazione così massiccia di persone e non fossero preparati a gestirlo. Il Comune pare non sia stato informato a dovere e avendo sottostimato l'evento il caos ha regnato ovunque, bloccando centinaia di vetture nelle strade affollate dalla gente. Come se non bastasse, pare ci sia stato anche un clamoroso problema di comprensione sulla natura dell’evento, infatti in molti si aspettavano delle lanterne volanti piuttosto che delle lanterne galleggianti. In molti sui social network si sono lamentati per la scarsa riuscita dell’evento, come si vede sulla pagina ufficiale dell’evento su Facebook.

Tutto ciò fa capire però quanta voglia ci sia di eventi in questa città e che potenzialità portino. Poteva essere un bell'evento che è affogato come le lanternine nell'acqua.











Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …