Passa ai contenuti principali

Zon Precotto - Via Carnovali dove c'è l'asilo che fa acqua

In via Carnovali, zona Precotto, esiste una scuola dell'Infanzia che è un vecchio prefabbricato che da tempo ha superato l'età per cui era stato progettato e che per questo viene sempre indicato nel piano triennale delle opere da smantellare e ricostruire.

Nonostante questo, la struttura è ancora pienamente utilizzata e ospita, a oggi, circa 125 bambini.

Lunedì 8 giugno, nel bel mezzo della festa di fine anno, a Milano si è verificato un fortissimo acquazzone....anche dentro la scuola. Tra due travi di cemento armato del soffitto antistante le aule - normalmente adibito a spazio di gioco e refettorio - l'acqua scendeva copiosa al punto da rendere necessaria una rapida evacuazione dei bambini e dei genitori presenti all'interno dei locali.

Al mattino successivo un sopralluogo dei tecnici comunali ha evidenziato che i rami di un pino ostruiscono un tubo pluviale, cosa che probabilmente ha generato una grande pozza sul tetto che ha piegato alcune lamiere e permesso all'acqua di erodere il materiale tra le travi del soffitto.

Stamane, a distanza di dieci giorni dalla prima forte infiltrazione, è stato effettuato un primo intervento di pulizia dei pluviali e ripristino del tetto, ma è stato evidenziato un avvallamento che provoca la generazione di una pozza in caso di pioggia...insomma il tetto va riparato in maniera definitiva

La Dirigente Scolastica e le famiglie sono consapevoli del fatto che esista probabilmente qualche problema "amministrativo" da risolvere, ma a noi pare quantomeno singolare che 125 bambini possano frequentare per 10 giorni una scuola con gravi problemi come quelli evidenziati senza che venga effettuato alcun intervento. Ancor più singolare ci pare che non si sia ancora provveduto a un intervento che risolva definitivamente il problema e che consenta ai bambini e al personale di fruire senza paura di uno spazio - una scuola dell'Infanzia - che dovrebbe essere tra i più sicuri in assoluto.










Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …