Passa ai contenuti principali

Progetti - La cerchia dei Navigli: conclusioni dello Studio di Fattibilità della Riapertura dei Navigli

Quante volte, da quando nel lontano 1930 decisero di coprire la cerchia dei navigli, si parla della sua riapertura?




La Martesana entrava in città da nord, dalla conca dell'Incoronata in via San Marco passando per Porta Nuova, Porta Venezia, il naviglio dei Sciuri, Porta Vittoria, Porta Romana e Porta Ticinese, per finire alla curva della Pusterla dei Fabbri a Porta Genova e quindi giù per via Vallone e infine alla Darsena. Diventato un posto putrido e maleodorante (forse anche volutamente), estremamente degradato il Comune di allora decise di coprire definitivamente questo luogo malsano così centrale e al suo posto creare più spazio per le solite automobili. Poi le nuove generazioni hanno iniziato a rimpiangere quella triste decisione e dopo quasi ottant'anni dalla loro chiusura adesso li si rivuole riportare in luce. Sicuramente oggi per buona parte del suo percorso il Naviglio non restituirebbe più il fascino di un tempo, ma sicuramente ridarebbe una dimensione più umana ad una circonvallazione cementosa e asettica.


Questa sera, 10 Giugno 2015 a Palazzo Reale, in piazza Duomo, il Comune di Milano presenta a tutta la città il lavoro svolto, con il Politecnico di Milano (DAStU), per la fattibilità della riapertura dei Navigli di Milano, spiegando come si può fare, quanto costa e quali sono le opportunità.

Si tratta del risultato di un lavoro svolto con grande passione che per due anni ha coinvolto un team di urbanisti, architetti, ingegneri, geologi, esperti di mobilità, di partecipazione e di valutazione economica del Politecnico di Milano, Statale di Milano, Università di Pavia e della Bocconi.

Sono stati valutati gli innumerevoli aspetti che dimostrano la fattibilità della riapertura intesa come navigabilità del Sistema Navigli dal centro di Milano alla periferia, verso tutta l'area navigabile/ciclabile della Lombardia (ed oltre), con lo scopo di fornire alle istituzioni una base solida con cui partire con il progetto preliminare (che sarà il primo passo ufficiale di progettazione dell'opera). 



Foto STORICHE della cerchia dei Navigli. Viaggio virtuale dalla Conca dell'Incoronata alla Darsena.


San Marco

Fatebenefratelli

Piazza Cavour

Via Senato

Monforte

Borgogna

Aggiungi didascalia

Conca dei Navigli

Uno dei tanti progetti

La darsena di via San Marco

La darsena di via San Marco

Sotto alcuni canali creati dallo studio di Renzo Piano per un nuovo quartiere a Trento. Potrebbe essere un esempio moderno del naviglio.




Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …