Passa ai contenuti principali

Zona Duomo - Partito il restauro anche al mosaico

Sono partiti ieri alle 23 i lavori di restauro del secondo dei quattro mosaici dell’ottagono della Galleria Vittorio Emanuele e dei due aquilotti decorativi. L’intervento è reso possibile da una piattaforma aerea munita di cestello sul quale operano i tecnici restauratori specializzati. I lavori andranno avanti nei prossimi giorni e si svolgeranno sempre nella fascia notturna dalle 22 alle 6 del mattino.

“Questo intervento fa parte del piano di restauro conservativo della Galleria varato dal Comune ha già investito un milione e mezzo nel periodo 2012-13, per settembre sarà appaltato un altro milione e mezzo. Non intendiamo lasciare più il salotto dei milanesi in stato di abbandono, come accadeva in passato: per questo abbiamo programmato di destinare un milione e mezzo l’anno per le manutenzioni ”. Lo dichiara l’assessore Rozza

L’intervento riguarda la lunetta rappresentante l’Asia collocata sull’angolo via Foscolo-Piazza Scala dell’Ottagono , sopra il negozio di Luis Vuitton. Il recupero segue le stesse procedure tecniche già adottate per la lunetta rappresentante l’Africa (via Pellico-Piazza Scala). I lavori sono resi necessari dal fatto che le superfici sono annerite superficialmente dal particellato atmosferico che si è depositato sulle superfici dei manufatti a mosaico ed in cemento decorativo costituente le aquile.

La manutenzione dei mosaici a tesserine vetrose avviene mediante la pulitura preliminare consistente nella rimozione dei depositi costituiti da polveri, terricci e guano mediante pennelli morbidi, spazzole, aspiratore. E’ poi prevista la pulitura con spugne e spazzole in fibra naturale mentre le fessure verranno riempite con materiale sigillante.

Per il trattamento delle aquile in cemento decorativo si effettua l’asportazione preliminare dei depositi, la disinfestazione localizzata e la pulitura ad impacchi delle superfici. Al termine delle operazioni verrà eseguita una leggera velatura con tinta a calce e terre coloranti.

Le quattro lunette dell’Ottagono sono opera di quattro pittori: il Casnedi, il Pagliano, il Giuliano ed il Pietrasanta che affescarono quattro grandi quadri allegorici rappresentanti le parti del mondo (Africa, America, Europa ed Asia). Successivamente nel 1921 i dipinti vennero sostituiti da rilucenti mosaici che riproducevano ancora una volta le allegorie dei quattro continenti.



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …