Passa ai contenuti principali

Zona Adriano - un Quartiere che cerca di crescere

Nel 2000 il Comune di Milano definisce le aree di Via Adriano "di interesse strategico per lo sviluppo del quadrante nord-est e della città". Nei P.I.I. (piani integrati di intervento) esito della contrattazione tra Comune e privati venne previsto quindi la costruzione di funzioni di interesse generale: un centro commerciale, un centro sportivo, Residenze per Anziani e un asilo oltre alle residenze.






Il quartiere, dopo anni di lavori ha ancora l'aspetto della Milano degli anni 50, quando quartieri nuovi crescevano in mezzo al nulla. Da poco è stato inaugurato il bel parco che poi da il nome all'intero progetto. Effettivamente il parco è solo una piccola porzione di quello che sarà.







Molte parti del progetto sono state riviste o cancellate. A quanto pare non verranno più realizzate le altre tre torri (le due torri gialle nel rendering e quella con le finestre blu), al loro posto si allargherà il parco. Al posto del centro polisportivo (nel rendering l'edificio ai piedi della torre dell'acqua) pare realizzeranno edifici residenziali di 11 piani e che prevedono la stessa cubatura delle torri eliminate.

Il Centro Anziani pare sia fermo anch'esso.







Il cantiere della zona commerciale (Esselunga e Media World) finalmente sta procedendo a ritmo serrato. Tra i due edifici commerciali è stata mantenuta la torre rifugio - antiaerei.











E' stata anche completata la strada (Via Privata Vipiteno) che collega la parte meridionale del quartiere con via Ponte Nuovo, vi segnaliamo anche il bellissimo palazzo Art Decò (Nel 1932 venne costruita una nuova stazione per la trasformazione dell'energia a 130.000 Volt, la Ricevitrice Nord (in via Ponte Nuovo, tra Crescenzago e Gorla), con un imponente edificio che spicca ed è tuttora ben riconoscibile nel frammentario tessuto periferico urbano) della compagnia elettrica municipale. Elettricità che persiste con i tralicci molto grandi e ingombranti.









––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Torre Dacia di Caputo

La torre Dacia con i suoi 77 metri e 22 piani è l'edificio più alto di Parco Adriano, stenta ad essere occupata. Peccato poi sorga in un lotto privo ancora di alberi e abbia un aspetto desolante.












––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Mentre tutto il comparto ovest del complesso, lungo via Vittorio Gassman è già abitato con successo, torri comprese.












––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Le villette invendute in buona parte e pare sia fallita la società costruttrice.







––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Di seguito le palazzine che diventeranno la nuova scuola materna.





––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––










Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …