Passa ai contenuti principali

Zona Rottole - Quando a Lambrate c'era il lago

Chi mai potrebbe immaginare a Lambrate un lago usato soprattutto all'inizio del 1900 come luogo di svago?
Infatti dove oggi si trova il Giardino Marisa Bellisario sul lato meridionale di Piazza Udine, fino agli anni Cinquanta si trovava un laghetto.

Nel 1910 circa, venne realizzata una struttura sportiva all'interno di una cava che si trovava tra le località Rottole e Lambrate. Si trattava di un noleggio barche e canoe, un solarium, un ristorante, una balera e una birreria, il tutto affacciato su questo piccolo bacino d'acqua.
I terreni erano di proprietà della famiglia Ingegnoli, noti vivaisti milanesi, che a fine 800 avevano spostato il vivaio principale proprio alla Cascina Melghera, sita tra via Feltre e via Crescenzago perché l'avanzamento della città aveva "divorato" i loro terreni che si trovavano tra il Corso Buenos Aires e l'attuale Stazione Centrale. A cascina Melghera su un’area di quarantaquattro ettari tra vivai e laghetti venne trasferito il “Tennis MonteRosa” nel 1926 che pochi anni dopo cambierà nome in  “Tennis Club Miralago”. Sempre nelle vicinanze si trovavano altri due piccoli laghetti, sempre di proprietà della famiglia Ingegnoli, poi uniti negli anni 30, denominato Lago Parco e nelle cui vicinanze si trovava un luna park, che verrà poi inglobato nel futuro Parco Lambro.
A causa della costruzione del Quartiere Feltre, il vivaio e tutto il resto vennero sfrattati, ma il Comune di Milano cedette un’area di 25.000 mq. poco distante in Via Feltre, dove si trovava l'altro laghetto degli Ingegnoli. Su quest’area venne edificata l’attuale sede del Tennis Club Ambrosiano, che viene inaugurata il 25 maggio 1963. Nei primi anni 50 entrambi i laghetti vennnero prosciugati causa sempre dell'avanzamento della crescente città.

Chissà se almeno il grazioso Miralago fosse rimasto, inglobato magari in un parchettino, se avrebbe cambiato l'aspetto di quest'angolo di Milano.









Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …