Passa ai contenuti principali

Turismo: per Expo si aprono 14 siti culturali




Quattordici scrigni d’arte e cultura in città si aprono ai turisti per Expo 2015. E’ stato presentato questa mattina dagli assessori Franco D’Alfonso (Commercio, Turismo e Marketing territoriale) e Filippo Del Corno (Cultura) con Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano “Aperti al Mondo”, il programma di volontariato per aprire e promuovere 14 luoghi di cultura in città durante i sei mesi dell’Esposizione Universale.

“Grazie a questa iniziativa – spiegano gli assessori Franco D’Alfonso e Filippo Del Corno - vogliamo far conoscere e apprezzare ai tanti turisti attesi per Expo non solo le attrattive artistiche e culturali più note, dal Duomo al Castello, dal Museo del Novecento a Brera ma, soprattutto, i tanti tesori d’arte e luoghi spesso ignorati dai principali itinerari turistici”. “Quattordici luoghi – proseguono gli assessori - che raccontano la storia e le evoluzioni culturali e sociali della città, ampliando le opportunità turistiche di Milano e mostrando i suoi volti più nascosti e affascinanti”.

“Voglio ringraziare questi 1.000 volontari milanesi – afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano - pronti ad accogliere i visitatori che ci aspettiamo numerosi in occasione dell’Expo. Questi volontari rappresentano, con il loro impegno, il senso civico e la loro generosità, il volto migliore di questa città, accogliente e ricca di cultura, di arte e di storia da mostrare a tutto il mondo”.


Aperti al Mondo” è un programma che mette a frutto la decennale esperienza di “Aperti per Voi” e dei Volontari Touring per il Patrimonio Culturale, per accogliere visitatori nei siti d’arte milanesi altrimenti inaccessibili al pubblico o aperti con forti limitazioni di orario. Sono infatti 180 le aperture eccezionali serali, centinaia (e in continua crescita) le iniziative musicali e letterarie che animano i luoghi di cultura della città. Un programma vario e ricco, che si articola in 14 luoghi della città, reso possibile grazie all’impegno di oltre 1.000 volontari impegnati nell’accoglienza, che garantiscono circa 2.000 ore di aperture straordinarie. L’iniziativa del Touring è promossa dal Comune di Milano.

Ad essere “Aperti al mondo” sono realtà come l’Antiquarium «Alda Levi»-Parco dell'Anfiteatro romano, l’area Archeologica della Basilica dei Santi Apostoli e Nazaro Maggiore, la Basilica di Santa Maria presso San Satiro, la Basilica di San Vittore al Corpo, la Casa Verdi, la Casa Museo Boschi Di Stefano, la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, la Chiesa di Sant’Antonio Abate, la Cripta della Chiesa della Beata Vergine Annunciata nell’Ospedale Maggiore, la Cripta di San Giovanni in Conca, la Collezione Grassi – Vismara presso la GAM, il Mausoleo Imperiale di San Vittore al Corpo, il Museo Studio Francesco Messina e la Chiesa di San Fedele.



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …