Passa ai contenuti principali

Zona Musocco - Via Stephenson: nuove rotonde e viabilità, prima parte

La zona attorno a via Stephenson è in totale rivoluzione grazie all'arrivo di Expo. Infatti la realizzazione dei nuovi viadotti che scavalcano autostrade e ferrovie per servire il sito Expo hanno modificato anche questa zona che fino a poco tempo fa era una sorta di cul-de-sac.




Noi di Urbanfile siamo andati a fare un giro nel quartiere per vedere com'è la situazione. Anzitutto siamo entrati ancora dall'unico accesso al quartiere, ovvero da Via Giorgio Stephenson da dove comincia, all'incrocio con via Mambretti nel centro storico di Musocco. Siamo così arrivati alla prima nuova rotonda, quella davanti al concessionario Porche all'incrocio con Via Cesare Musatti. Pista ciclabile e bei marciapiedi (fossero così in centro).









Proseguiamo lungo la Via Musatti dove è stata creata la pista ciclabile mentre a sinistra i vecchi edifici industriali sono stati in parte demoliti. Così ritorniamo in via Stephenson dove è stata creata un'altra rotonda.













Lungo questo tratto della via i lavori sono ancora in alto mare per il tunnel che deve passare sotto le ferrovie e collegarsi con la Via Triboniano e via Barzaghi sul lato del Cimitero Maggiore.









Una delle 4 torri del complesso che doveva rivitalizzare il quartiere è stata terminata ed è in parte già abitata. Il parchettino a computo oneri anch'esso è stato realizzato. Si vede ancora la grande buca che doveva accogliere la seconda delle 4 torri, ma per il momento è stata bloccata.








Così siamo arrivati al primo intoppo, il tunnel sotto le ferrovie. Come si vede dalle immagini i lavori sono molto in ritardo e crediamo bene che il passaggio non sarà aperto se non verso la fine dell'anno. Staremo a vedere se saranno bravi con i miracoli, peccato. Di sicuro dovevano partire molto prima coi lavori. Probabilmente hanno avuto intoppi che hanno portato a questo ritardo abbastanza importante.

Proseguiremo il nostro tour in un secondo post.








Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …