Passa ai contenuti principali

Zona Porta Nuova - Inaugurato il Wheatfield, il Campo di grano temporaneo

Sabato 11 aprile è stato inaugurato il grande campo di grano (oltre 50 mila metri quadrati) all'ombra dei grattacieli di Porta Nuova e Isola. Campo di grano allestito temporaneamente per non lasciae, durante i mesi di Expo, un cantiere in bella mostra in attesa di iniziare i lavori per sua trasformazione nel parco della Biblioteca degli Alberi, il parco incluso nel grande progetto di Porta Nuova.
I cancelli del campo seminato lo scorso 28 febbraio da oltre 5mila milanesi, (in seguito riseminto da tecnici agrari) sono stati aperti al pubblico. Fino a settembre-ottobre sarà percorribile nella parte centrale attraverso un grande sentiero. Il progetto è dell'americana Agnes Denes (Dénes Ágnes, Budapest, 1931) è un artista concettuale americana di origine ungherese con sede a New York. E' nota per sculture e installazioni ambientali internazionali, come ad esempio Wheatfield - A Confrontation (1982), dove realizzò un campo di grano di due acri ai piedi delle Torri Gemelle di Manhattan.

Alla cerimonia per il taglio del nastro erano presenti il commissario unico per l'Expo Giuseppe Sala, l'assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, il direttore della Fondazione Riccardo Catella Kelly Russell e Beatrice Trussardi, presidente Fondazione Nicola Trussardi. Il percorso pedonale é aperto al pubblico tutti i giorni della settimana e permetterà di entrare nell'opera d'arte, osservando da vicino la crescita e la maturazione del grano che sarà raccolto a luglio con una grande festa collettiva.

Il parco ora occupato dal campo di grano

E' stato allestito in un area nei pressi di via De Castillia anche un orto in piena regola d'arte, con alberi da frutto e ortaggi vari. Si tratta di Coltiviamo insieme!, un opera e un'istallazione che vuole far conoscere soprattutto ai bambini come e cosa si può coltivare. Il tutto correlato con una videomostra didattica allestita nella sede della Fondazione Riccardo Catella, che racconta l'opera e le tematiche.

Noi naturalmente eravamo presenti.

Wheatfield - A Confrontation (1982)
Agnes Denes























Da sinistra il commissario unico per l'Expo Giuseppe Sala, l'assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, Ada Lucia De Cesaris vicesindaco di Milano più Claudio Nelli e Roberto Arsuffi di Uranfile

Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …