Passa ai contenuti principali

Zona Porta Ticinese - Cosa non ci convince in Piazza XXIV Maggio

Quando i soldi sono pochi, si vede; si vede eccome! Presso il cantiere Darsena/Piazza XXIV Maggio i lavori procedono a ritmo serrato e già possiamo farci un'idea del risultato finale dai particolari già sistemati: il mercato coperto, i marciapiedi, le aiuole, i lampioni. La sensazione è che un budget risicato stia portando a risultati discutibili.

Il mercato coperto si pregerà anche di eleganti corrimani in legno lungo le balaustre che si affacciano sulla Darsena; tuttavia sono tanti i particolari che non ci convincono: il chiosco del pesce, ad esempio, non ancora terminato ma già oggetto di critiche feroci. Un manufatto alquanto banale che ora, installate le saracinesche, ci perplime ancor più di quanto ci saremmo aspettati. Che fosse concepito in stile contemporaneo o quasi replica ottocentesca, noi ci saremmo aspettati qualcosa di più accattivante, ricercato. Niente di tutto questo, soltanto una costruzione dove la praticità senza gusto ha la meglio su tutto.

Un altro dettaglio che ci lascia a bocca aperta, e in senso certamente negativo, è la scelta dei lampioni in XXIV Maggio. Come si vede dalle foto che abbiamo scattato, si è deciso per un sistema di illuminazione standard che troviamo qui e là in città; niente che invece potesse caratterizzare e dare unicità e personalità a questa nuova piazza. Lampioni che andrebbero forse bene altrove, ma non in un luogo così monumentale. Perché non sono stati utilizzati, a questo punto, i lampioni già presenti in Darsena, di certo moderni ma che in qualche modo ricordano un po' quelli d'epoca, quelli verdi a tre braccia con lampade a goccia? Infine, come se non bastasse, in alcuni punti si è pensato fosse meglio usare due pali grossolanamente affiancati anziché un più armonioso lampione biforcuto.

Insomma, la città del design, dell'arredamento e della moda ha evidentemente tecnici comunali dalla fantasia blindata.








I pre-esistenti lampioni verdi della Darsena





Il chiosco del pesce











Le nuove balaustre in legno













Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …