Passa ai contenuti principali

Zona Nord Ovest - Aspettando la SIN, da Certosa ad Affori

SIN, Strada Interqaurtiere Nord, la strada che attraverserà i quartieri a nord di Milano in progetto (dal 1953) e in realizzazione da anni ma che ancora ha dei punti dove non è nemmeno iniziata.

Noi abbiamo fatto un giro seguendone il percorso per vedere a che punto siano i lavori:

Il tratto in Certosa, vicino all'EXPO è in fase avanzata, manca sempre il pezzo che la unisca a Via Eritrea, ma crediamo sia questione breve e che il parcheggio di una pizzeria sparisca per diventare il raccordo con la nuova strada che in quel punto sarà in trincea e a tunnel per andare verso via Stephenson e Musocco.

Il tratto di Via Filippo de Pisis/Castellammare, è stato completato già da tempo e per ora si conclude nella curva di Via Castellammare perché qui, compreso il cavalcavia e il parco di Cascina dei Prati sono ancora incolti e terra di nessuno, se non dei soliti zingari.

Infatti il tratto che unirebbe Via Castellammare a Via Cascina dei Prati e via Bovisasca è in parte in costruzione e in parte ancora prato.

Il cavalcavia di Via Martin Luther King è stato realizzato già da più di trent'anni ed è anche ben mantenuto, i filari d'alberi e i prati farebbero invidia a Corso Sempione.

Siamo arrivati alla fine di Via Martin Luther King dove il vialone a doppia corsia si "infrange" contro Via Pedroni Lisiade che, più piccola, non consentirebbe mai un traffico sostenuto. Qui la SIN è ancora sulla carta, fino a Via Pellegrino Rossi e poco oltre. Lungo la Via Don Giovanni Grioli, ad Affori, i giochi e le panchine sistemate in attesa che venisse realizzata la strada sono stati cintati e interdetti, lasciando un desolante aspetto a tutta l'area.

Per finire il nostro giro, ci siamo fermati in Via Pellegrino Rossi dove ci siamo chiesti come risolveranno la strettoia creatasi dopo la realizzazione della fermata della metro 3 di Affori Centro.

Via Alberto Cavalletto era stata predisposta per far parte di questo grande stradone, ma adesso dopo la sistemazione della M3 all'incrocio con Via Pellegrino Rossi e la realizzazione del bel parchetto per bambini cosa succederà? Che dire poi dell'ultimo tratto che dovrebbe distruggere parte del palchetto creatosi in attesa della realizzazione della via e che ha preso il nome di Parco delle Favole? Poi comprendiamo perché gli abitanti del quartiere si ribellino a certi interventi.







Le nostre foto:





















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …