CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

lunedì 23 giugno 2014

Zona Sant'Ambrogio - Che fine ha fatto il Museo della Tortura?

Anni fa alla Pusterla di Sant'Ambrogio era stata allestita una mostra un po' particolare, poi diventato il Museo di Criminologia e delle Armi Antiche, più noto ai milanesi come il Museo della tortura di Milano. Sfrattato dal Comune nel 2000, non ha più trovato una collocazione. Peccato che sia in rete che su alcune guide turistiche e persino sull'uscio dello stesso museo pare ancora in attivo. Infatti resiste ancora la targa che annuncia la presenza del museo fuori dalla Pusterla.

Il museo ha chiuso qui a Milano, per aprire altrove ed avere anche un buon successo.

Ruote, manette, gabbie e altri aggeggi inventati per infierire su criminali, eretici e presunte streghe sono tornati nelle mani del legittimo proprietario: il museo della tortura di San Gimignano. “Ma saremmo rimasti volentieri a Milano”, dice uno dei proprietari, Matteo Cantini. Ora i pezzi sono divisi tra la città turrita e le collezioni di Lucca, Siena, Volterra e Montepulciano. “A San Gimignano, tra giugno e settembre, registriamo fino a trentamila ingressi – spiega Cantini –. Abbiamo fatto esposizioni anche all’estero, in Messico, Spagna e Stati Uniti”.

Alla Pusterla c’era anche una panoplia di armi, archibugi e spade, di proprietà dell’Associazione amatori armi antiche, ora finita nelle teche del museo della Torre della Cesta a San Marino. Dal Titano spiegano che nel 2012 i turisti sono aumentati. E Milano? Da tredici anni la Pusterla di Sant'Ambrogio, ovvero l'antica porta fortificata nei pressi della basilica romanica, è un museo fantasma.

I due bastioni, iniziati nel 1167, furono restaurati nel dopoguerra proprio dall'Associazione amatori armi antiche, che in cambio dei lavori ebbe la gestione degli spazi. Nel 1948 inaugurò l’esposizione delle armi antiche. Nel 1985, dopo qualche mese di chiusura, la collezione fu integrata con gli strumenti di tortura. Il museo si auto-sostentava con gli incassi dei biglietti. Nel novembre del Duemila però arrivò il foglio di via. Il Museo di criminologia non era più gradito, la collezione era considerata diseducativa. Benché la mente che l'aveva pensata, Orazio Curti, fosse stato direttore e ideatore dei percorsi del vicino Museo della Scienza e della tecnica (oggi tecnologia).

All’inaugurazione di quella Gardaland dell’orrore, immersa in un’atmosfera gotica al 100%, erano presenti anche padre David Maria Turoldo e Amnesty International. Nel 1999 Curti morì e il figlio, Aldo, allora studente universitario, nonostante una campagna pro-museo portata avanti anche dall'artista Davide “Atomo” Tinelli, dovette arrendersi. Gestì ancora per un po' la Pusterla, affidando gli spazi a un'associazione di collezionismo. Poi vennero i progetti fantasiosi della burocrazia: aprire nelle torri la biglietteria del museo della Scienza e della tecnologia, ricavarvi un ritrovo per universitari o infopoint turistico. Tutto è rimasto sulla carta e noi aggiungiamo anche una perdita importante per la città e i suoi musei. 

A proposito della Pusterla, cosa alquanto strana, nelle murature si trovano alcune formelle in miniatura, chissà che origine hanno?

(parte delle notizie estratte da il Giorno)













Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...