Passa ai contenuti principali

Zona Castello - Che fine ha fatto la fontana di Beltrami?

In questi giorni c'è una bella mostra dedicata al "salvatore" del Castello Sforzesco, Luca Beltrami. L'architetto che grazie alla sua caparbietà riuscì a convincere il Comune di Milano di restaurate e trasformare il rudere del Castello degli Sforza in uno scrigno di cultura e musei. Beltrami donò al nuovo castello una fontana, frutto di una fusione tra una copia della bellissima vasca acquasantiera che si trova nella collegiata di Bellinzona e una creazione basata su ispirazioni rinascimentali dello stemma sforzesco.
La bella fontana neo-rinascimentale venne posta nel giardino della corte ducale. Lì rimase fino agli anni del dopoguerra, la quale venne spostata all'interno di un cortiletto sotterraneo e stretto dallo studio BBPR che negli anni 1956 - 1963 si occupò della ricostruzione post bellica del castello.
Probabilmente spostata perché considerata di scarso valore essendo una copia e non un originale.

Sin da piccolo quella fontana mi ha sempre affascinato (credo non solo me) e col tempo saperla in quella sorta di pozzo mi ha sempre lasciato perplesso. Non sarebbe bello poterla ricollocare dove venne pensata? Milano ha pochissime fontane per chissà quale mistero, e questa mi pare anche molto bella. La sua attuale posizione la penalizza, lo si evince anche dal fatto che sia così poco fotografata. Forse non sarà originale, né storica, ma era un regalo del grande architetto e che ha salvato il nostro bel Castello e che la donò alla sua città e noi la teniamo rinchiusa in un tombino.


La fontana voluta da Luca Beltrami

L'acquasantiera e una bozza a matita di Luca Beltrami

Illustrazione






Corte ducale primo novecento

Acquasantiera di Bellinzona nella collegiata





Qui di seguito la collocazione della fontana voluta dallo studio BBPR negli anni cinquanta, poco percettibile e quasi invisibile.




Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …