CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

mercoledì 7 ottobre 2015

Zona Risorgimento - M4. Maran: “Avanti con i lavori, metro fondamentale per l’ambiente”

Condividiamo quanto detto dall'assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran dopo le proteste di alcuni attivisti contro il taglio degli alberi per realizzare la metropolitana 4. Anche a noi spiace parecchio vedere alberi tagliati, ma pur di vedere ridotto il numero delle automobili in circolazione in futuro, sopportiamo anche questo. 

“Un piccolo gruppo di attivisti oggi ha fisicamente bloccato i lavori per la M4. L’unico risultato, paradossale, sarà quello di ritardare la realizzazione di una nuova linea metropolitana che consentirà alla nostra città di avere una mobilità più sostenibile.
La metropolitana è l’opera ambientale più importante di ogni città; spiace a tutti intervenire sugli alberi ed è evidente che per realizzare una linea in alcuni punti è necessario. Tuttavia da un anno siamo impegnati in un confronto pubblico con imprese, associazioni, comitati e assemblee di cittadini per valutare insieme i progetti e ridurre l’impatto dei cantieri.

L’area specifica di corso Indipendenza, essendo vincolata, ha necessitato di approvazioni ulteriori da parte di Regione e Sovrintendenza, segno che sono state fatte tutte le iniziative possibili per minimizzare l’impatto del manufatto (che ospiterà uscite di sicurezza e impianti di areazione) da realizzare nell’area. Questa cantierizzazione è nota da prima dell’estate: abbiamo lavorato molto per salvaguardare il doppio filare laterale, che rappresenta l’elemento di maggior pregio, e abbiamo quasi dimezzato il taglio di alberi, passando da 45 a 26 interventi. Nei prossimi giorni si interverrà su 16 alberi e successivamente si vedrà se c’è la possibilità di salvaguardarne altri, come avvenuto per tutte le cantierizzazioni.

Il lavoro di questi mesi è stato principalmente orientato all’obiettivo di rendere compatibile il manufatto con la permanenza del doppio filare esterno, che è sostanzialmente salvaguardato. È evidente che una protesta nel giorno dell’esecuzione dei lavori non può modificare il progetto. Ricordo infine che al termine dei lavori ripianteremo gli alberi, con un aumento del 20% rispetto agli attuali.

A Milano si costruiscono metropolitane da 60 anni. La tecnologia oggi ci consente di ridurre di molto gli impatti rispetto a quanto avvenne con M1, ma non può azzerarli: in prossimità di stazioni e manufatti è necessario aprire cantieri, che possono comportare qualche disagio. Come accaduto per M5 il nostro impegno è quello di consegnare l’opera nei tempi, se non in anticipo rispetto agli 88 mesi di lavoro previsti. Domenica apriremo la stazione Monumentale M5. Ricordiamoci che al termine dei lavori avremo servizi e nuovo verde”.
Lo dichiara l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran.






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...