Passa ai contenuti principali

Zona Guastalla - I lavori al Policlinico

Dopo il rinnovato Padiglione Monteggia nel 2008, che ospita il Dipartimento di Neuroscienze e Organi di senso, e il nuovissimo padiglione Invernizzi - Istituto Nazionale di Genetica Molecolare realizzato nel 2013, stanno procedendo i lavori al nuovo Pronto Soccorso.

Infatti da pochi mesi è stato aperto anche il nuovissimo Pronto Soccorso, sebbene esternamente non sia ancora stato completato. Il nuovo Pronto Soccorso di Expo si basa su un ampliamento del padiglione Guardia e raggruppa medicina e chirurgia d'urgenza, un reparto di terapia intensiva da 12 posti letto, un blocco operatorio con 4 sale chirurgiche, 30 letti per l'osservazione dei pazienti, degenze per 92 posti letto e studi medici.
E' collegato con tutti i padiglioni del policlinico già esistenti e integrato con il monoblocco del nuovo ospedale. Inoltre, dal 2016, integrerà anche il pronto soccorso pediatrico della Clinica De Marchi e in questo modo, tutte le attività di emergenza e urgenza per adulti e bambini, saranno in un'unica struttura.

Il Policlinico di Milano è un ospedale tra i più antichi d’Italia: è nato nel 1456 e le aree che occupa, per il loro valore storico, sono da tempo sotto l’attenzione della Soprintendenza Archeologica. Costruire qualcosa di nuovo in un constesto del genere, o anche solo modificarlo, è un’impresa enorme. Ma il progetto di realizzare un Pronto Soccorso adatto alle esigenze della città, grande e moderno, si è finalmente concretizzato: e oggi la Fondazione Ca’ Granda Policlinico consegna ai cittadini un’opera ambiziosa, realizzata nei tempi annunciati nonostante le difficoltà legate alla crisi economica, e attiva nel cuore della città in tempo per la grande manifestazione di Expo.

Dopo la demolizione dei vecchi ed obsoleti padiglioni interni, ora si attende che i lavori incomincino anche nella parte centrale dell'ospedale. Il progetto dello Studio Boeri, prevede la realizzazione di una struttura monoblocco, unica e non più suddivisa in padiglioni anche distanti fra loro. L'edificio sarà diviso in due Poli: quello medico, che conterrà le specialità di area medica, dei laboratori centralizzati per l'intero ospedale e l'area ambulatoriale; e quello materno-infantile, che disporrà dell'area pediatrica, di quella ostetrico-ginecologica, e di un'area ambulatoriale e diagnostica dedicata.

Informazioni da Fondazione Ca’ Granda Policlinico





















Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …